La riflessione, Belfiore: "Questi 2 anni hanno visto il nascere di una neonata categoria di non pensanti: 'i neo neo nazisti del virus'”

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images La riflessione, Belfiore: "Questi 2 anni hanno visto il nascere di una neonata categoria di non pensanti: 'i neo neo nazisti del virus'”
Salvatore Belfiore
  15 gennaio 2022 18:16

di SALVATORE BELFIORE

A livello puramente grafico, la differenza tra le parole: “ FOLLA” e “FOLLIA” consiste solo in una vocale…e la storia ci insegna che nulla, come le folle, sono facilmente aizzabili e manovrabili, affinché  possano diventare il braccio armato e volutamente spersonalizzato, di idee il più delle volte irragionevoli e partorite da menti insane.
 
 In questi anni in cui si blatera, ahimè troppo spesso, di: “maggioranza…collettività…bene comune” e di quello che tutti dovrebbero sentirsi costretti a fare  senza porsi nessuna domanda… le riflessioni dovrebbero essere tante. Soprattutto quando queste suddette “azioni che tutti fanno e/o DEVONO fare per rientrare nella maggioranza” sono grottescamente contrapposte a quello che appartiene alla sfera del dissenso, del senso critico e dell’alterità . Tale fetta di umanità  dissidente viene, ormai quotidianamente, stigmatizzata, additata e considerata responsabile di ogni calamità passata presente e futura, utilizzando la ben nota retorica del capro espiatorio, che tutti i regimi (di destra e sinistra) storicamente hanno sempre usato per spostare l’attenzione del popolo dalle malefatte del dittatore a quelle , presunte, di un gruppo o di specifici individui “scomodi”. Popolo, massa, folla, che viene sempre considerata “garanzia” di giustizia e genuinità della risposta, ma che, dovremmo interrogarci, quale e che tipo di “ragione e lucidità” possa ancora avere, se dopo migliaia di anni, ancora sembri preferire e identificarsi in “barabba”?
 
Gli atti vandalici avvenuti dopo le “vacanze natalizie” nelle scuole della mia città, le Patari Rodari e l’Aldisio, sono state bollate dagli stessi dirigenti scolastici, come: “INSPIEGABILI”…
 
Ma basterebbe osservare gli eventi togliendo le mascherine chirurgiche di ordinanza fornite dal MIUR e magari fare arrivare un po’ di ossigeno al cervello e spostare le lenti faziose di pura ideologia del regime in corso e il quadro sarebbe piu' chiaro. Mi fanno anche onestamente sorridere, per la loro inopportuna incongruenza, le dichiarazioni della CGIL che addirittura parla di : “attacchi squadristi da non sottovalutare”, sempre rifacendosi a terminologie che potrebbero abilmente spostare l’attenzione. Solo la dirigente del plesso Patari Rodari ammette che gesti simili ci fossero già stati in passato, ma che non erano stati pubblicizzati e che questa volta, lei crede, sia stata ( e cito): “ una vera e propria volontà di “negare a ottocento ragazzi il loro sacro santo diritto all’istruzione e alla socialità…proprio per il gusto di privarli dell’unico spazio di aggregazione rimasto in questo periodo storico…la scuola.” Mi chiedo dove abbia vissuto in questi anni la dirigente e perché non si faccia alcuna menzione alle scritte presenti su alcune lavagne che dicevano: “ ANDATE A CASA, C’E’ IL COVID, DAD”.
 
 
 
 
E mi chiedo anche se la dirigente in questione si sia accorta di tutte le infinite e capillari limitazioni alle libertà personali e ai diritti che noi tutti stiamo subendo da questo governo tecnico di abusivi da due anni a questa parte…forse no.  Chi sarebbero quindi i veri responsabili di questo gesto tristissimo?  Magari gli ignoti che si sono introdotti e hanno svuotato estintori, riversato in terra tutte le mascherine che erano state consegnate e riposte sui banchi degli alunni per accoglierli dopo le vacanze di Natale e distrutto decorazioni natalizie e presepe? Questi sono gli esecutori materiali. Marionette che all’occorrenza si prestano a diventare mani e braccia. I veri responsabili sono tutte le istituzioni governative e para governative, quelle sanitarie e i media main stream, che da due anni a questa parte hanno costantemente aizzato gli animi della popolazione italiana facendola vivere nella PAURA di un possibile contagio e nel SOSPETTO.
 
Questi due anni hanno visto il nascere di una neonata categoria di non pensanti: “i neo neo nazisti del virus”, creature in costante apprensione che oscillano al vento delle notizie che i media di regime, continuamente offrono. Non sono nè di destra  né di sinistra, non sono né analfabeti, né plurilaureati, CREDONO pedissequamente e senza farsi la benché minima domanda a tutto quello che le sedicenti  pseudo autorità propinano loro usando strumenti di becera propaganda totalitaria. Non più senso critico, civico, umano, non più carità (saremmo il paese cattolico per eccellenza…)  non più analisi delle fonti, non più dubbio. In televisione hanno urlato per l’ennesima volta all’aumento dei fantomatici contagi utilizzando metodologie ormai discutibili e riportando tabelle statisticamente non valide? Si ritorna in modalità “ paura del contagio”…si indossano due mascherine, si smette di fare attività sportiva al chiuso, si tengono i figli a casa obbligandoli alla D.A.D. e senza discutere!
 
Anche se si hanno in corpo plurime inoculazioni di siero genico sperimentale. Non è importante! Nulla e Nessuno potrà proteggere i neo neo nazisti del virus, che si premureranno di ritornare a ordinare cena e spesa online e che saranno pronti a segnalare questo o quel ristorante o attività aperta al pubblico alle forze dell’ordine per rischio di strani assembramenti composti da sospetti e pericolosissimi novax. Di cosa si meravigliano quindi questi dirigenti scolastici?
 
L’Italia è stata scientificamente e diabolicamente trasformata da : “la terra di SANTI POETI E NAVIGATORI” alla “penisola dalla finta emergenza sanitaria creata e voluta e mantenuta dalle menzogne”. Reato di circonvenzione di incapaci? Sfruttamento della credulità popolare? I mezzi sono sempre gli stessi da secoli, ma la memoria storica sembra non appartenere più alle nostre coscienze. La filosofa pagana Ipazia di Alessandria venne stuprata, uccisa e dispersa nella cenere dalla folla cristiana dei parabolani ad Alessandria d’Egitto.  Nel medioevo approfittando della paura della peste sei milioni di esseri umani vennero accusati di stregoneria, torturati e uccisi di fronte a folle urlanti e felici. Nel 1933, le autorità naziste in Germania inaugurarono  un’"Azione contro lo Spirito Anti-tedesco" che doveva culminare con una vera e propria purga o opera di "pulizia" (Säuberung)da attuare dando alle fiamme le opere letterarie indesiderate. Il 10 maggio 1933, una folla di  studenti universitari bruciarono non meno di 25.000 volumi considerati "anti-tedeschi", inaugurando così l’era di censura e di controllo della cultura da parte dello Stato…E potrei continuare. Ma a cosa servirebbe?
 
Da due anni a questa parte si parla solo di virus, vaccini, contagi, presunte morti e sospette positività e nel farlo si depriva la coscienza comune e civile di tutti noi dei diritti sacrosanti ed inviolabili. Chissà se la dirigente suddetta è al corrente di tutti i lavoratori a cui è stato precluso l’accesso agli ambienti di lavoro perché non aderenti all’infinita campagna vaccinale o se il dirigente CGIL si è accorto di tutti i soprusi intollerabili che i lavoratori stanno subendo con la scusa dell’emergenza sanitaria?  E’ facile fingere di non capire o di non voler vedere. Non sono vigliacchi solo i vandali… Ma tutti quegli italiani che ancora girano la testa di lato per non voler vedere quanto in basso sia scivolato il nostro paese su tutti i livelli. …Bisognerebbe ricordare a chi, fingendo sdegno e sorpresa, volta il capo dall’altra parte, che le folle che sembra continuino ad urlare : “BARABBA , BARABBA!” sono state in grado di istituire tribunali sommari e di usare ghigliottine per ristabilire nuovi ordini…

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner