La riflessione. Terranova: "Saniamo con il Pnrr una ferita che sta provocando la morte di interi comuni"

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images La riflessione. Terranova: "Saniamo con il Pnrr una ferita che sta provocando la morte di interi comuni"

  07 agosto 2021 09:17

 Pubblichiamo una lettera inviata da  Giuseppe Terranova  al Governo nazionale e alla deputazione regionale per sollecitare la sistemazione della frana di Cavallerizzo che da 15 anni crea un pauroso isolamento nel territorio della Calabria del nord.

Banner

di GIUSEPPE TERRANOVA

Banner

Sono momenti difficili per la storia dell'umanità, prevale la paura verso il futuro. Intere comunità, già in crisi sociale da tempo per fattori di contesto generale, sono spente e piegate su se stesse. In Calabria ancora di piu'.  Si coglie ad occhio nudo smarrimento e rassegnazione. 
Penso sia necessario mettere mano ad alcune vere e proprie strozzature per provare a rimetterci in cammino. 

Banner

La valle dell'esaro e in particolare i paesi albanesi, collocati da Cervicati a Rota Greca, vivono dal 2005 un autentico isolamento a causa dell'enorme frana di cavallerizzo , che ha  sventrato l'intero abitato nel comune di Cerzeto.
La strada che collegava di fatto San Marco Argentano a Rota Greca, Torano Castello e quindi l'area urbana di Cosenza non esiste piu. 
Sono 15 anni che e' calato il sipario ed e' in atto un continuo svuotamento abitativo e demografico con pesanti ricadute sociali e culturali. Basti pensare a moltissimi giovani, dei comuni interessati, che prima frequentavano  gli istituti scolastici superiori a San Marco Argentano e ora probabilmente sono interessati dall'abbandono scolastico.

E' l'ora di mobilitarsi per sanare questa enorme ferita e rimettere sul terreno della crescita una parte importante di questo territorio.  E’ possibile oggi ,come non mai , utilizzare fondi nazionali ed europei per la coesione territoriale e in primo luogo il PNRR con adeguati iniziative e interventi progettuali. Sindaci, istituzioni, associazioni, forze politiche, cittadini hanno il dovere di scrivere una nuova e bella pagina di progresso civile. Sono certo che insieme ci riusciremo.

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner