La riflessione. Valentina Falsetta: "PD e M5S si prendano la responsabilità del prossimo governo di destra in Calabria" 

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images La riflessione. Valentina Falsetta: "PD e M5S si prendano la responsabilità del prossimo governo di destra in Calabria" 

  31 agosto 2021 08:05

di VALENTINA FALSETTA 

Un percorso a ritroso mi si rende urgente e necessario in queste ultime ore riguardo il destino della Presidenza regionale in Calabria.  

Banner

Ricordiamo tutti molto bene la disfatta dei Dem che misero in campo l’imprenditore Callipo e il destino di Tansi, ricordiamo la vittoria senza troppi fronzoli nè sforzi di Jole Santelli e il disgraziato- o dovrei dire sgraziato- piombarci addosso del Pff Spirlì.  

Banner

L’avanzata del centrodestra in Calabria che pareva talmente surreale si è realizzata di certo non grazie ad una forza programmatica bensì ad una coesione e una narrativa personalistica che mancava e manca tutt’oggi alla fazione opposta e che ha reso molto facile, libera dal divisionismo e dal saccente egoismo dell’attuale sinistra, la scalata verso la presidenza alla Santelli. 

Banner

A distanza di poco più di un mese dalle elezioni regionali, per me, quel che pareva un intricato schema di decisioni messe in atto dal Pd è adesso cristallino e l’ultimo pezzo da incastrare è l’appello del candidato Oliverio pubblicato nella giornata di ieri: si legge, addirittura, un richiamo che sembra l’ultimo grido disperato di un uomo-senza elogi ad un Presidente che nulla fece per ottenere quella rivoluzione che continuiamo ad invocare come greci al tempio- consapevole della disfatta, inevitabile, ripetuta e che sotterra, se ne era rimasta, l’ultima speranza di una Calabria guidata e rispettata, l’ultima preghiera dei calabresi di sinistra che senz’altro vorrebbero vedere crollare i privilegi concessi ad un’ideologia che i calabresi li ha sempre vilipesi, dimenticati, rimembrati unicamente in tempo di campagna elettorale.  

Se persino Oliverio chiede l’unità ai piani alti, disposto a fare un passo indietro, un’ultima possibilità per la sinistra di avanzare in luogo di una sconfitta che ora pare annunciata in favore di Occhiuto, bisogna essere in mala fede o ciechi per non vedere come il Pd, che sempre vidi in veste di paroliere- ricordo le ultime parole del segretario Letta sul premio ai giovani in sostituzione di progettualità occupazionale- alla fine della novella è o poco interessato alle sorti calabresi o prestato anch’esso a logiche elitarie che noi, fuori dalla stanza dei bottoni, molto poco possiamo vedere e provare.  

Chi la Calabria la vive sa che occorreva, con la massima urgenza e non certo da ora, un ampio piano riformatore che iniziasse a portare la Regione nel ventunesimo secolo in ambito infrastrutturale al pari di altre regioni, non di certo progetti dell’ultimo minuto e comparse che appaiono regalie.  

Chi la Calabria la respira sa che urge sottrarre la P.a. alle infiltrazioni mafiose, rendere competitiva una terra bellissima e abbandonata, che turisticamente non avrebbe da invidiare o guardare dal basso. 

Ecco perchè Pd e M5S sbagliarono con la candidatura della Ventura, dai toni sbiaditi, cercando di aggiustare il tiro con una donna seppur eccellente come Amalia Bruni e sbagliano ora come allora a non accogliere le richieste di un percorso unitario; a non considerare, con evidenza matematica, il terreno su cui ci muoviamo: un sistema elettorale maggioritario e un astensionismo che raggiunge il 50%. 

E’ ai calabresi che dovrebbero concedere una chance forte di sovrastare il centro-destra.  

In aggiunta al fallimento di Callipo delle scorse elezioni ben poco considerato- quasi che nascondere la testa sotto la sabbia conservi la dignità- l’errore del divisionismo che spero, nonostante io lo veda chiaramente, non ci porti ad un’altra sgraziata legislatura di centrodestra è la colonna portante di un cammino in salita che deve tutto alle idee sbiadite, pronunciate a bassa voce e mai troppo chiaramente, degli avversari.  

Una storia, insomma, comune alla sfera politica, che ora più che mai avremmo avuto bisogno di ribaltare. 

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner