La rivoluzione digitale applicata alla sanità: nasce STAR, il 'Sistema Avanzato di ReferTazione' per un sistema sanitario più efficiente

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images La rivoluzione digitale applicata alla sanità: nasce STAR, il 'Sistema Avanzato di ReferTazione' per un sistema sanitario più efficiente

  10 marzo 2019 12:16

Si scrive STAR e si legge Sistema Avanzato di ReferTazione. E' la rivoluzione digitale applicata alla sanità,  il sistema innovativo per l’acquisizione e la gestione di referti e documenti clinici prodotti durante l’erogazione dei servizi sanitari nelle strutture pubbliche o private proposto da Dna:Lab insieme ai proponenti GPI, Logos Informatica e l’UNICZ (Università degli Studi di Catanzaro)

Dove nella definizione di referto clinico rientrano i documenti prodotti durante le visite mediche di qualsiasi specializzazione, referti strumentali, referti delle analisi di microbiologie, referti radiologici e screening, etc.

Banner

Un progetto, che mira a far fronte al continuo mutamento delle esigenze dei cittadini che richiedono servizi qualitativamente migliori e più efficienti, al quale si aggiunge  un cambio di rotta di tutta la Pubblica Amministrazione che  riguarda sempre più  una trasformazione nella definizione del rapporto tra l’utente  e la PA, e quindi anche del servizio sanitario

Banner

Il progetto prevede una piattaforma web di facile consultazione, attraverso la quale l’utente – previa opportuna fase di identificazione ed autenticazione forte - potrà visionare e scaricare i propri referti. I dati verranno elaborati attraverso la piattaforma CCM (Customer Communication Management) appositamente predisposta, che si occuperà dell’intero processo di elaborazione E2E (end to end).  La platform CCM, della quale DNA:LAB è concessionario, è un sistema informatico evoluto, unico nel suo genere senza alcun competitors, il quale rende questi servizi innovativi e di ultima generazione. Alla fine del processo i dati elaborati, verranno depositati nell’apposita piattaforma web sulla base di un repository aderente agli standard internazionali (IHE-XDS), dalla quale l’utente (medico, paziente) potrà accedere facilmente ai referti. Tutta la documentazione generata potrà essere utilizzata per alimentare automaticamente i sistemi FSE attualmente disponibili (standard XCA), pur essendo la piattaforma dotata di un sistema di repository clinico sanitario e di un sistema di archiviazione legale sostitutiva già accreditata presso AGID.

Banner

Tutti i dati saranno trattati sulla base della normativa vigente in materia di privacy D.Lgs. del 30 giugno 2003, n. 196 Codice in materia di protezione di dati individuali, in particolare anche attraverso una interlocuzione diretta con AGID ed UNICAL, dipartimento di linguistica diretto dal Professore Guarasci. 

Un'innovazione nell'innovazione perchè la modernizzazione  non è da ricercarsi esclusivamente nella modalità elettronica di trasmissione, che già da sola consentirebbe di avere un impatto sociale (evitando il costo sociale del ritiro fisico e del ritardo nella disponibilità del referto), ma soprattutto sotto il profilo interattivo evolutivo e dinamico che i documenti prodotti potranno avere.

La consultazione del referto potrà avvenire mediante varie modalità, ad esempio come Video multimediale (che spiega il referto, personalizzabile all’utente) e Referto Interattivo (è un documento interattivo multimediale, nel quale l’utente può interagirvi per estrapolare i dati a lui interessati in maniera semplice e veloce).

Gli interlocutori

La proponente del progetto STAR, Dna:Lab è un’azienda tecnologicamente all’avanguardia, presente con diverse sedi (Catanzaro e Pescara). L’azienda fa parte del polo di innovazione tecnologico della salute (Biotecnomed). La struttura organizzativa è costituita da tecnici altamente specializzati in possesso nella quasi totalità dei casi in possesso di una laurea specialistica in materie informatiche. Oltre al coordinamento del progetto, Dna:Lab si occuperà della conservazione legale ed elettronica dei dati sanitari sensibili in pieno accordo con le linee guida del Ministero della Salute in materia di conservazione, e gestiti con i servizi di Firma Digitale e di Sicurezza logica erogati da Intesa in qualità di Ente Certificatore Accreditato DigitPA (oggi Agenzia per l’Italia Digitale), riducendo notevolmente i consumi di carta. L’azienda è in possesso di certificazione AGID. Il progetto STAR sarà realizzato in collaborazione con l’Università degli Studi di Catanzaro, GPI Spa e Logos Informatica.

L’Università degli Studi di Catanzaro costituirà il Comitato Scientifico competente per la strutturazione dei dati clinici di riferimento e la definizione dei protocolli di gestione, controllo e archiviazione degli stessi. L’Università metterà a disposizione le proprie competenze tecniche per la corretta interpretazione dei dati in ambito microbiologico e radiologico. L’Università inoltre si occuperà della realizzazione di un progetto di ricerca scientifica per verificare l’impatto sociale sulla popolazione prima dell’avvio del progetto e al termine della fase sperimentale.

Il Gruppo GPI, riunisce diverse aziende, controllate o partecipate in diversa misura dalla capofila GPI Spa, che grazie a specifiche competenze ed esperienze offrono soluzioni tecnologiche e servizi all’avanguardia per la sanità e per il sociale, con l’obiettivo di offrire alle strutture sanitarie un sistema eccellente per erogare prestazioni puntuali ed efficienti. La società è cresciuta negli anni, sia in termini di organico che di fatturato, puntando sullo sviluppo di un’offerta tecnologica sempre più all’avanguardia, in grado di cogliere le esigenze di trasformazione e le spinte innovative richieste dal mondo della sanità. Inoltre, GPI mette a disposizione dei clienti la propria competenza tecnica per realizzare i prerequisiti con delle soluzioni che includono: l'implementazione degli “Adapter Legacy” verso i sistemi del cliente qualora non vi fosse la possibilità di mettere a disposizione i Web Service richiesti e l'integrazione personalizzato con il gateway di pagamento del tesoriere del cliente. GPI metterà a disposizione del progetto la propria competenza nella realizzazione di un repository clinico-documentale compliant ai moderni standard dell’health- ICT (IHE-XDS) e nella realizzazione della componente di portale e relativa app-mobile per i diversi stakeholder (paziente, medici MMG) per l’accesso e la consultazione dei documenti clinici nel rispetto della normativa relativa al trattamento dei dati personali.

Logos informatica, è un’azienda capace di progettare ed erogare autonomamente servizi anche complessi di  ingegneria informatica. L’offerta dell’azienda copre un ampio ventaglio di servizi che va da consulenza informatica fino a la realizzazione dei software applicativi multiservizi, software applicativi per la gestione d’impresa (EAS), software applicativi multiutente, progettazione di sistemi informatici. Gestiscono la consulenza in ambito di protezione e sicurezza di operatori di terminali informatici, la sicurezza in tecnologie dell’informazione (IT). Il ruolo del partner sarà quello di curare la comunicazione nella fase finale del progetto, misurando la qualità dell'efficentamento del servizio, in modo tale da capire se gli utenti sono soddisfatti o meno del programma proposto rispetto a quello attualmente presente. Gestirà la qualità del servizio offerto e la diffusione dei risultati ottenuti (es. convegni, ecc), attraverso questionari online, strumenti per la produzione di reportistica, strumenti per l’analisi statistica dei dati, reportistica della piattaforma.

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner