La storia e la laurea di Pier Paolo, studente detenuto diventato dottore in Giurisprudenza a Catanzaro

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images La storia e la laurea di Pier Paolo, studente detenuto diventato dottore in Giurisprudenza a Catanzaro
L'istituto penitenziario di Catanzaro
  27 ottobre 2022 09:30

Pier Paolo Caloiro è il nome dello studente detenuto del Polo Universitario penitenziario dell’Università Magna Graecia di Catanzaro che ieri si è laureato in Giurisprudenza con una tesi in Filosofia del diritto dal titolo “Sfide e opportunità della rieducazione in carcere”. Il relatore è il professore Andrea Porciello, ordinario di Filosofia del diritto dell’UMG, che ha seguito Pier Paolo Caloiro sin dall’inizio del suo percorso universitario.

 

Banner

Il sacrificio e l'abnegazione di Pier Paolo Caloiro hanno fatto sì che si laureasse in quattro anni e sei mesi, anziché nei cinque anni ordinari previsti. Lo studio condotto nella redazione della tesi è stato serio e costante.

Banner

 

Banner

La seduta di laurea si è svolta presso la Casa circondariale Ugo Caridi alle ore 16.30, alla presenza della moglie Pieranna, dei familiari di Caloiro, degli agenti di polizia penitenziaria e dell'area educativa.

 

La commissione di laurea era composta dal Presidente prof. Alberto Scerbo, e dai professori Andrea Porciello, Charlie Barnao, Paola Chiarella, Valerio Donato, Aquila Villella, Elena Andolina, Domenico Bilotti, Rossana Caridà, Maria Luisa Chiarella, Valentina Pupo, Maria Laura Guarnieri, Claudia Atzeni.

 

 

Da anni ormai vi è una stretta collaborazione tra l’Università Magna Graecia e l’amministrazione penitenziaria della Casa Circondariale “Ugo Caridi”, grazie anche alla disponibilità della ex direttrice dott.ssa Angela Paravati e della attuale direttrice, dott.ssa Patrizia Delfino. Grazie a tale fattiva collaborazione, l’UMG costituisce, dal 2017, un Polo Universitario Penitenziario e fa parte, dal 2018, della Conferenza Nazionale dei Delegati dei Rettori per i Poli Universitari Penitenziari (CNUPP), istituita presso la Conferenza dei Rettori delle Università Italiane (CRUI). Il delegato del rettore per l’Università Magna Graecia è il prof. Charlie Barnao.

 

Nel periodo compreso fra il 2017-2022 il Polo Universitario Penitenziario si è occupato complessivamente della formazione di 65 studenti detenuti. Tutti i corsi di laurea dell'UMG attivati all’interno dell’istituzione penitenziaria sono del Dipartimento di Giurisprudenza, Economia e Sociologia (DiGES) e oggi risultano iscritti ai nostri corsi 24 studenti detenuti di cui 15 inseriti nel circuito di Alta sicurezza.

 

Oltre ad essere studente di giurisprudenza, Pier Paolo Caloiro è anche parte attiva del laboratorio didattico e di ricerca sulla realtà carceraria, coordinato dal prof. Barnao e costituito dalle dott.sse Claudia Atzeni e Luciana La Banca, assegniste di ricerca UMG, dalla professoressa Giorgia Gargano, volontaria, e da diciotto studenti detenuti (di cui 15 inseriti nel circuito di Alta sicurezza e 3 in Media sicurezza). Il laboratorio, nato come laboratorio di etnografia e autoetnografia carceraria, si concentra prevalentemente sul tema del carcere tra diritto, cultura e sopravvivenza quotidiana e sul rapporto tra il populismo penale e i meccanismi di marginalizzazione sociale. Gli incontri del gruppo di ricerca avvengono settimanalmente presso la casa circondarialee Pierpaolo Caloiro è tra gli studenti più attivi.

 

È anche Tutor interno per gli studenti detenuti di Giurisprudenza, figura unica al momento in Italia.

Tale è la passione per lo studio, che Pier Paolo Caloiro sta già provvedendo all'iscrizione al corso di laurea in Sociologia UMG.

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner