Lab 32, al Complesso Monumentale del San Giovanni il “Masterplan Catanzaro 2032” per una città proiettata verso il futuro

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Lab 32, al Complesso Monumentale del San Giovanni il “Masterplan Catanzaro 2032” per una città proiettata verso il futuro

  27 maggio 2022 22:55

di FRANCESCO IULIANO

Masterplan Catanzaro 2032” diventa realtà. Ad un anno dal suo avvio, era il marzo del 2021 in occasione dell’Inspiration day, il progetto di riqualificazione  urbana che mira a ricollocare Catanzaro al centro della Calabria  come città accogliente, moderna e proiettata verso sul futuro, è stato presentato alla città.

Banner

Un’idea progettuale, proposta da Lab 32, il laboratorio indipendente di idee ed azione al servizio di Catanzaro e della collettività, che vede Catanzaro come una città più inclusiva, con il coinvolgimento attivo dei cittadini, dei giovani. Una città della natura, composta da borghi sparsi sul territorio, di verde, di siti culturali e di aree agricole riconvertite con l’utilizzo  delle fonti rinnovabili. 

Banner

L’appuntamento, organizzato nelle sale della scuola di Alta Formazione dell’università Magna Graecia di Catanzaro, all’interno del Complesso Monumentale del San Giovanni, si è svolto nel pomeriggio di oggi.

Banner

Un incontro al quale hanno partecipato: il direttore della scuola di Alta Formazione, Stefano Alcaro, il presidente di Lab 32, Carlo Diana, gli architetti Fabio Rotella ed Enrico Fulfaro, la commercialista Stefania Lavecchia.

Stefano Alcaro, in apertura, ha salutato con entusiasmo l’iniziativa di Lab 32. “E’ fondamentale - ha detto - far sì che l’Università partecipi concretamente alla realizzazione di progetti come quello pensato da Lab 32. Un’istituzione culturale come l’Università può mettere a disposizione della collettività e dei professionisti la sua  grande flessibilità propositiva, declinabile in specifici master,  corsi di perfezionamento ed aggiornamento”.

All’incontro hanno partecipato, altresì, i candidati a sindaco di Catanzaro. Erano presenti Wanda Ferro, Nino Campo, Antonello Talerico, Valerio Donato e Nicola Fiorita.

Dopo i saluti del presidente di Lab 32, Carlo Diana, che ha messo a disposizione delle istituzioni l’esperienza della sua associazione, le professionalità e l’intero progetto “Masterplan”,  Fabio Rotella ha presentato la visione futuristica del progetto, sviluppata da un team internazionale dello Studio Rotella di Milano e composto da giovani architetti e urbanisti provenienti da diversi paesi europei del mediterraneo.

“La visione proietta Catanzaro e la propria provincia al 2023 ripensando di fatto, al modello di città fruibile, dove le distanze sono minime grazie a direttrici e collegamenti  con le zone più strategiche attraverso treni veloci di nuova generazione. Un territorio dove connettività e tecnologia sono alla base dello sviluppo economico sostenibile ed industriale”.

Alla presentazione del progetto sono intervenuti, altresì, Stefania Lavecchia, che ha relazionato sulla fattibilità economica  dell’opera  attraverso i fondi messi a disposizione dal Piano nazionale di ripresa e resilienza, e l’architetto Enrico Fulfaro, che ha illustrato le proposte arrivate nel “Canestro delle idee”.

L’accoglienza degli ospiti è stata affidata alla BB Promo Service di Antonio e Raffaele Bitonte.

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner