L’Accademia delle belle arti di Catanzaro dice addio al docente e artista Paolo Pancari Doria

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images L’Accademia delle belle arti di Catanzaro dice addio al docente e artista Paolo Pancari Doria
Pancari
  03 marzo 2022 08:40

Apprendiamo con rammarico della triste scomparsa di Paolo Pancari Doria – afferma il Direttore Virgilio Piccari – l’Academia tutta si stringe attorno alla sua famiglia e rivolge a Paolo un ultimo saluto. Ricordo Paolo energico e carismatico tra le aule, impegnato trasmettere agli allievi il valore della bellezza con i suoi segni e i suoi colori. Lo ricorderò sempre così».

Formatosi in Accademia, sotto il primo nucleo fondativo di scuola napoletana, Doria ha fatto parte della prima generazione di docenti artisti calabresi; ha segnato un solco nella storia dell’ABA e dell’arte calabrese, nelle vite degli studenti che ha formato con parole, lezioni pratiche e teoriche, facendone emergere il talento.

Banner

Già docente di Decorazione, per anni Pancari Doria ha guidato il corso con sobrietà e gentilezza, contribuendo a rendere un’eccellenza il Dipartimento di Arti Visive. Legato ai linguaggi tradizionali dell’arte, Paolo è stato un pittore e un artista colto e generoso, come attesta l’opera donata all’Accademia nel 2014 (in foto), quando sotto la Direzione di Anna Russo si costituiva il patrimonio dell’Istituzione.

Banner

L’importanza del suo ruolo, unitamente a tutta quella generazione di docenti che ha plasmato la classe di professionisti, artisti e insegnati che tuttora ruotano attorno al circuito accademico calabrese e italiano, è stato recentemente riconosciutonell’esposizione Memorie nascoste, focus online che racconta la storia del patrimonio dell’ABA e in cui è visibile l’opera di Doriaacquisita nella collezione dell’ABA.

Banner

«Il ricordo di Paolo – continua il Direttore Piccari – non abbandonerà neanche l’Accademia: nel prossimo Consiglio Accademico proporrò di dedicare al nostro amato amico l’Aula di Decorazione, così anche le future generazioni potranno conoscerlo e celebrarlo».

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner