Lamezia Terme. Arriva il cambio di appalto per i lavoratori della Leonardo Spa. Lo Papa (Fisascat Cisl): "È un primo passo"

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Lamezia Terme. Arriva il cambio di appalto per i lavoratori della Leonardo Spa. Lo Papa (Fisascat Cisl): "È un primo passo"

La nuova ditta volta pagina e si dice favorevole ad un’eventuale uso degli ammortizzatori sociali. Finisce un anno da incubo

  01 aprile 2021 17:35

Dopo mesi di lotta sindacale arriva una svolta per i lavoratori della sede lametina della Leonardo Spa, azienda italiana attiva nei settori della difesa, dell'aerospazio e della sicurezza, il cui maggiore azionista è il ministero dell'Economia e delle Finanze. Dal prossimo sette aprile il subappalto del servizio di portierato verrà affidato da SicurItalia a una nuova ditta la quale è disposta in caso di difficoltà legate al Covid a ricorrere agli ammortizzatori sociali.

«E’ un ottimo punto di partenza per questi lavoratori e padri di famiglia – afferma il segretario generale Fisascat Cisl Calabria Fortunato Lo Papa -  dopo che per un anno esatto ci siamo trovati di fronte ad un muro e ad un dialogo strozzato. Siamo fiduciosi per il futuro».

Banner

Era lo scorso aprile quando i lavoratori venivano costretti a causa del dilagare della pandemia a lavorare in presenza solo due giorni a settimana, a ricorrere a tutte le ferie pregresse e a portare a casa una manciata di euro. Il tutto mentre la cooperativa siciliana appaltatrice del servizio si rifiutava di ricorrere a forme di sostegno al reddito e dopo mesi di lotta pensava di chiudere la partita con il trasferimento delle risorse lavorative a Catania, ma pensando nei fatti di indurle al licenziamento.

Banner

«Un atteggiamento ostico e poco opportuno verso il quale più volte abbiamo richiamato l’attenzione dei una multinazionale come la Leonardo.  Apprendiamo con cauto ottimismo  questo primo cambio di passo  - conclude Lo Papa - e continueremo a vigilare su questa realtà affinché non venga calpestata la dignità di nessun lavoratore».

Banner

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner