Lamezia Terme. La CGIL Calabria esprime sconcerto sulla condanna di Mimmo Lucano

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Lamezia Terme. La CGIL Calabria esprime sconcerto sulla condanna di Mimmo Lucano

  01 ottobre 2021 20:03

La CGIL Calabria esprime sconcerto  rispetto alla pronuncia della sentenza della Sezione Penale del Tribunale di Locri, relativa al processo Xsenia, che ha condannato Mimmo Lucano a 13 anni e 2 mesi di reclusione, pena che addirittura risulta essere  quasi raddoppiata rispetto a quella  richiesta dall’accusa pari a 7 anni e 11 mesi.

L’incredulità per la  detta sentenza di primo grado è fondata sul riconoscimento dell’attività di Mimmo Lucano che con la sua opera è riuscito a coniare a Riace un modello di attività umanitaria imperniato   su  accoglienza e solidarietà dei migranti che hanno cercato e trovato rifugio, ospitanza e opportunità nel Comune Ionico rappresentando lo stesso  un sicuro riferimento per il fenomeno migratorio dell’intera area mediterranea.

Banner

Nel rispetto del ruolo della Magistratura e delle motivazioni che saranno contenute nel dispositivo di sentenza esprimiamo quella che è una prima sensazione negativa per una condanna “incredibile e spropositata”.

Banner

Occorre una iniziativa specifica per tutti i limiti della legge Bossi-Fini in materia di immigrazione che va immediatamente superata.

Banner

Noi  crediamo nella giustizia e nello svolgimento delle sue funzioni e allo stesso tempo confermiamo la nostra  speranza per la riformulazione e modifica della sentenza di primo grado, nel frattempo oltre ad essere vicini a Mimmo Lucano continuiamo ad essere vicini a quanto realizzato nella terra di  Riace e impegniamo l’intera organizzazione ad iniziative, che concorderemo ed indicheremo già nei prossimi giorni, a partire dalla  inaugurazione della Camera del Lavoro di Riace prevista per il prossimo 19 Ottobre, a cura della CGIL e dello  S.P.I. CGIL.

Tutto ciò per valorizzare  e continuare nel solco di  quanto prodotto in quella realtà, in favore e per la tutela dei più bisognevoli e, giova ricordarlo,  senza alcun vantaggio economico personale  per il suo ideatore.   

*Ordine del Giorno votato a maggioranza con N.2 astenuti.

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner