L'Asd Siano sul caso del campo: "Non volevamo offendere nessuno, ma il Comune deve dare risposte. Non c'è manutenzione"

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images L'Asd Siano sul caso del campo: "Non volevamo offendere nessuno, ma il Comune deve dare risposte. Non c'è manutenzione"

  11 ottobre 2021 11:33

"Abbiamo appreso che a seguito del nostro comunicato qualche società sportiva si è offesa e si è sentita toccata nell’animo per il proprio blasone, ma il nostro intento non era quello di offendere la storia e l’immagine di questa società, non ne avremmo motivo di farlo. Piuttosto la nostra uscita pubblica su una vicenda che da mesi stanno continuando a rimandare, ha il solo intento di fare chiarezza su una questione che ha molte cose che non sono chiare. Non è l'inizio di una guerra fra poveri, ma un atto verso l’amministrazione Comunale per far sì che la vicenda venga chiarita". Così l'Asd Siano dopo la polemica che nei giorni scorsi si era infuocata sulla gestione del campo di Siano a Catanzaro. 

I chiarimenti richiesti riguardano "la possibilità che, all'epoca, questa struttura sia stata messa a bando dal Comune (non potendolo) e sul fatto che dopo che nonostante un contezioso con l’amministrazione Comunale proprio per la stessa struttura la stessa viene  affidata alla società, anche se provvisoriamente", dice l'Asd Siano.

Banner

Banner

"Perciò ribadiamo che andremo avanti a portare la nostra tesi nelle sedi opportune, che sicuramente dovrà portare dei risvolti. Inoltre a questo punto faremo anche noi una precisazione, che magari in molti non sanno, alleghiamo alcune foto, che sono già state protocollate all’amministrazione, per far capire lo stato in cui si trova ad oggi la struttura, dove non ci sarebbe stata la manutenzione necessaria"

Banner

"L’ASD SIANO sta solo di chiedendo di tornare ad operare nella struttura del proprio quartiere, cosa che ci sembra più che sacrosanta chiedere a gran voce e lo faremo. E’ facile essere buoni, difficile è essere giusti".

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner