"L'Assoluto non è il mondo", tutto pronto per il Savuci Art Experience. Il borgo diventa museo a cielo aperto

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images "L'Assoluto non è il mondo", tutto pronto per il Savuci Art Experience. Il borgo diventa museo a cielo aperto

  04 agosto 2021 11:56

di CLAUDIA FISCILETTI

Riparte il Savuci Art Experience, nell'omonimo borgo fantasma che fa parte di Fossato Serralta, in provincia di Catanzaro, dopo il fermo forzato dell'anno scorso causato dal covid, e lo fa presentando il tema di quest'anno, L'"assoluto" non è il mondo, in cui le Installazioni sono ispirate da una delle regole fondamentali della metafisica cristiana, ricercando le tradizioni legate alla fondazione di Savuci da parte dei monaci Basiliani.

Banner

"Stiamo preparando le ultime cose, ma il festival inizierà sicuramente intorno al 10 agosto", hanno anticipato i direttori artistici della manifestazione, Rosa Rumolo e Francesco Scicchitano che, dal 2018, hanno iniziato questo viaggio per riqualificare il borgo, aprendosi a diverse realtà artistiche.

Banner


I direttori artistici Francesco Scicchitano e Rosa Rumolo

Banner

Un festival popolato da opere d'arte realizzate da artisti provenienti da tutto il Meridione e conosciuti anche a livello internazionale. "Quest'anno avremo Benvenuto Apicella, maestro ceramista di Vietri sul mare, che ha realizzato una maiolica in ceramica raffigurante la Madonna di Candelora, antica protrettrice di Savuci", affermano Rumolo e Scicchitano, anticipando anche la presenza di un altro artista, Attilio Armone, attualmente impegnato anche in alcune installazioni nel Mu.Ma.K, al Blanca Cruz.


Disegno di Francesco  Scicchitano realizzato da Benvenuto Apicella 

Savuci è un borgo spopolato che, però, torna ad avere colore grazie a questo evento: "Sono anni che miriamo ad un ripopolamento del borgo ma è un lento processo. La lentezza è, principalmente, legata a delle lungaggini burocratiche della politica, perché dal punto di vista artistico siamo riusciti a creare un borgo di street art che ormai è pieno di opere d'arte dappertutto, proprio come se fosse un museo a cielo aperto", spiegano i due direttori artistici.


Stanza dei telai di Attilio Armone

Uno sforzo che vede i suoi risultati soprattutto nelle reazioni delle persone che partecipano e che conoscono il festival: "Riceviamo messaggi di persone che ci scrivono, complimentandosi con noi e sostenendoci perché sanno quanto sia difficile realizzare un tale progetto. Non è facile ma, vedendo i risultati di questi ultimi anni, siamo incoraggiati ad andare avanti", concludono Rumolo e Scicchitano.


Installazione di Francesco  Scicchitano "Hic manebo optime"

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner