Lavoro. Cuzzupi (Ugl): "Stabilizzare i precari è necessario al sistema Paese" 

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Lavoro. Cuzzupi (Ugl): "Stabilizzare i precari è necessario al sistema Paese" 
Ornella Cuzzupi
  15 luglio 2021 12:48

 Una delle problematiche che attanagliano il mondo del lavoro in questo momento, è sicuramente rappresentata dalla questione “precari”. In un contesto di profonda crisi, i cosiddetti precari, soggetti più o meno stipendiati ma senza sicurezza e con molteplici limiti, sono spesso “schiacciati” in un limbo fatto d’immobilismo e superficialità.

Il lavoro precario, così come oggi inteso, è un’anomalia di portata enorme che se da un lato limita i guasti d’interi segmenti produttivi compensando la mancanza delle necessarie risorse umane, dall’altro porta a veri e propri sfruttamenti lasciando immaginare percorsi di stabilizzazione che troppo spesso rimangono chimere”.

Banner

Queste le parole del Segretario Generale dell’UGL Calabria, Ornella Cuzzupi, a latere dell’incontro avuto con una delegazione di lavoratori tirocinanti in servizio presso le Autonomie Locali, la Sanità, la Giustizia e i Ministeri più in generale.

Banner

È inconcepibile – continua Cuzzupi – che a queste persone, in situazione di precariato da oltre un decennio, vengano disconosciuti diritti basilari quali le tutele riferibili alla malattia, i riposi spettanti, la normale sequenza dei turni di lavoro sino ad arrivare alla mancata retribuzione, di per sé già del tutto iniqua. Nel caso specifico il quadro risulta drammaticamente paradossale considerando che parliamo di Sanità e servizi destinati ai cittadini”.

Banner

Sulla questione relativa al settore dei tirocinanti storici della Sanità, Ornella Cuzzupi, ha delineato, unitamente al Segretario Nazionale UGL Salute, Gianluca Giuliano, una serie di azioni da mettere in campo.

Quella del precariato è una questione da risolvere con urgenza. L’esecutivo deve prendere atto che la soluzione del problema, e mi riferisco a tutti i settori, dalla Sanità alla Scuola, è un investimento d’assoluta importanza che oltre a produrre ricchezza economica e tranquillità sociale, comporta un miglioramento sistematico dei servizi. Serve più stabilizzare che dilapidare risorse in azioni improduttive e meramente assistenziali. Tra l’altro - continua il Segretario Generale della Calabria - stabilizzando si limitano anche le discriminazioni sui posti di lavoro, altro problema per il quale abbiamo allo studio importanti iniziative che presto intraprenderemo con forza”.

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner