"Lavoro, donne, pandemia e sud": i temi affrontati nel webinar promosso dalla CGIL Area Vasta Cz-Kr-Vv

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images "Lavoro, donne, pandemia e sud": i temi affrontati nel webinar promosso dalla CGIL Area Vasta Cz-Kr-Vv

  21 aprile 2021 19:10

di CLAUDIA FISCILETTI 

“Lavoro, donne, pandemia e sud”, sono i temi su cui la CGIL Area Vasta Catanzaro-Crotone-Vibo Valentia si è concentrata nel webinar tenutosi questo pomeriggio, che ha visto interventi e contributi da vari esponenti del mondo sindacale e delle istituzioni, oltre alle le associazioni “Libera” e “Non una di meno”, in cui è emerso come la pandemia dell'ultimo anno abbia reso ancora più difficile la situazione delle donne all'interno della società.

Banner

Rossella Napolano, segretaria confederale CGIL Area Vasta, ha moderato l'incontro ponendo l'evidenza sull'opera della designer tessile Evelina Antuono inserita all'interno della locandina che ha annunciato l'evento e che è simbolica di quanto le donne facciano rete all'interno della società. "Sui giornali leggiamo di tematiche che dovrebbero essere ormai superate, ma evidentemente abbiamo ancora molto da fare riguardo ai diritti delle donne", ha spiegato Rossella Napolano ricordando anche come i dati della disoccupazione femminile in Calabria siano preoccupanti, a dimostrazione del fatto di quanto sia stato caro il prezzo della pandemia: "Bisogna ripartire dal potenziale di crescita che c'è soprattutto nel settore femminile, ma anche ripartire dagli investimenti, dalla rivoluzione ecologica, dall'istruzione per istillare la cultura delle pari opportunità, oltre ad un focus sulla salute delle donne".

Banner

"In Calabria abbiamo settori con crisi profonde che ci tiriamo dietro già da molto tempo", incalza Caterina Vaiti, segretaria Confederale CGIL Calabria: "Per questo ci siamo posti il problema di come risollevare le sorti delle donne calabresi rispetto al particolare momento che stiamo vivendo". Tra i saluti iniziali, poi, anche quello di Enzo Scalese, segretario generale CGIL Area Vasta Catanzaro-Crotone-Vibo Valentia che ha posto il focus su due temi in particolare: "Uno riguarda il mondo del lavoro per puntare a politiche strutturali integrate per risolvere il problema delle diseguaglianze di genere, l'altro riguarda le violenze di genere che durante il lockdown si è accentuata, e per queste ragioni abbiamo voluto ribadire che il rispetto è il primo passo per superare una società ancora profondamente patriarcale e sessista".

Banner

Sono seguiti gli interventi di diversi esponendi sindacali, quali quello dell'assistente sociale Amalia Talarico, della segreteria provinciale della Fp-Cgil, che ha sottolineato come in Calabria non ci sia Welfare, quello di Antonella Bertuzzi (Fisac) e Stefania Taverniti (Flai). "Le discriminazioni hanno tutte la stessa matrice, cioè quella culturale", il contributo di Filly Pollinzi, assessora alle Pari opportunità del Comune di Crotone: "Come Comune stiamo accogliendo ogni opportunità per migliorare questa situazione".

E, ancora, Ornella Catalano, Emanuele Scalzo, Mimmo Amatruda, Simona Maggiorelli direttrice del settimanale LEFT, e tanti altri fino, poi, all'intervento conclusivo di Serena Sorrentino, Segretaria Nazionale FP CGIL.

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner