L'avvocato Stanizzi e la Calabria tra i posti più belli del mondo: "È criminale non venire.  E scappare?"

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images L'avvocato Stanizzi e la  Calabria tra i posti più belli del mondo: "È criminale non venire.  E scappare?"
Gianpaolo Stanizzi
  19 luglio 2022 15:12

di GIANPAOLO STANIZZI

Giovedì 14 luglio 2022. Viaggio mattutino verso il Tribunale di Locri. Sosta ristoratrice a Badolato.
Mentre gusto un'ottima brioche accompagnata da un profumato caffè, sfoglio le pagine di un quotidiano. "Time - La Calabria tra i cinquanta posti più belli del mondo". Leggo questo titolo e mi domando: ma tanti anni fa non ho scritto anche io un articolo sulla Calabria? Recupero la vecchia mail, scorro tra i tanti miei sfoghi gentilmente ospitati da varie testate e trovo quello che cercavo. 
Un mio scritto di sette anni fa! Lo pubblicava Il Quotidiano del Sud, grazie alla giornalista Stefania Papaleo. Certo di non commettere alcun reato lo giro e lo ripubblico.

Banner

È CRIMINALE NON VENIRE IN CALABRIA. E scappare?

Banner

Tanti anni fa ebbi la fortuna di partecipare, insieme ad un gruppo di  mountain bikers  milanesi, ad una bellissima, autunnale  escursione  turistica, durata  più giorni, che mi portò a conoscere  posti fino ad allora   a   me   non   noti:   il   cuore   dell’Aspromonte,   che   attraversammo   partendo   dal   Crocifisso   di   Zervò, costeggiando   Pietra   Cappa,   entrando,   poi,   nei   territori   di   Platì   e   San Luca   fino   ad   arrivare   sulla   bianca spiaggia   di   Bovalino;   Buturo   e   la   “rosseggiante”   Sila   catanzarese;   il   Monte   Poro   ed   i   suoi   meravigliosi altipiani che guardano il Mar Tirreno.

Banner

Un bellissimo tour che ebbe per me una magica, emozionante ed indimenticabile conclusione nelle parole del Conte Giovanni Caproni, Presidente del Mountain Bike Milano ed all’epoca Vice Presidente del Touring Club Italiano: “Mi devi credere”  – mi disse nella splendida cornice del Villaggio Guglielmo – “io ho girato tutti i continenti ma  posso garantirti  che  posti  belli  come  quelli  che  ho visto in questi giorni  non esistono da nessun’altra parte del mondo”.

Queste   parole,   e   tutte   le   emozioni   che   mi   provocarono,   sono   ritornate   oggi   nella   mia   mente quando,   sfogliando   le   pagine   de   Il   Quotidiano   del   Sud,   ho   potuto   leggere   che   personaggi   del   mondo dell’editoria e dello spettacolo hanno avuto parole di elogio per la nostra meravigliosa terra di Calabria.
Paolo Mieli, Presidente di RCS Libri, dalle telecamere di Buongiorno Calabria: “E’ criminale non venire in Calabria almeno due volte all’anno; non solo in estate ma soprattutto fuori stagione, un momento in cui si ha l’occasione di vedere e di conoscere la Calabria più bella”.
Simona  Izzo,  dalla   presentazione   del  suo  film  “Festa  di  una  famiglia  allargata”  girato  sulla  costa ionica cosentina:” Sono giunta in Calabria per la prima volta e mi sono follemente innamorata dei profumi, degli odori e dei sapori di questa terra, della ricchezza paesaggistica ed architettonica”.
Il produttore cinematografico Massimo Ferrero: “Questa terra è meravigliosa ed io per girare qui sarei venuto anche a piedi. E’ una regione unica, un incanto che non ha paragoni con nessuna parte d’Italia.

Andrebbe   solo   maggiormente   curata   dai   suoi   stessi   abitanti   perché   sempre   ci   lamentiamo   dei   nostri territori ma difficilmente facciamo qualcosa per migliorarli”.
Ed allora, mi chiedo: è mai possibile che non si riesca a far nulla per valorizzare questa nostra Terra di Calabria?
E’ mai possibile che a distanza di circa quaranta anni dalla sua istituzione la Regione non sia riuscita a realizzare  quello che era il sogno di Leonida Repaci che a questa istituzione affidava lo svecchiamento delle strutture sociali e gli investimenti massicci nel campo dell’agricoltura?
E’ mai possibile che la risorsa Turismo non possa essere sfruttata, anziché per uno, per dodici mesi all’anno, approfittando delle bellezze marine e montane che il Signore ci ha regalato?
Queste   le   domande   alle   quali,   con   fatti   concreti,   dovrà   immediatamente   rispondere   la   classe politica     e   la   popolazione   calabrese   tutta,   obbligata   a   tirar   fuori   tutta   la   propria   fierezza,   cosciente   del proprio valore, della propria tenacia, della propria moralità.
Perché se per un turista è criminale non venire in Calabria, costituisce un gravissimo crimine far scappare dalla Calabria tantissimi nostri preziosi giovani.

Gian Paolo Stanizzi

ps
Dopo aver chiuso questo breve commento ho voluto fare una ricerca per vedere che fine avesse fatto il Conte Caproni. Purtroppo, ho appreso che nel corso dell’anno 2014 ha raggiunto la Casa del Signore.?
Sento, allora, il dovere morale di chiedergli pubblicamente scusa per una bugia che gli raccontai. Ci dirigevamo in autobus verso la tappa aspromontana e, ad un certo, punto, mi chiese: “scusa, ma mi togli una curiosità? Perché tantissime case che sembrano abitate sono all’esterno allo stato rustico? Colto   all’improvviso,   lì   per   lì,   improvvisai   questa   risposta:   “sai,   la   legge   urbanistica   regionale consente la costruzione rateale delle case. La concessione edilizia (così allora si chiamava) qui in Calabria
non scade mai”.
No, ti rispondo oggi Giovanni: “quelle case sono il frutto della indifferenza di tanti cittadini, della mancanza di rispetto verso il prossimo e verso il bene comune. Quel che serve oggi in Calabria è tanta gente onesta, brava e capace che voglia lottare per il bene dell’intera collettività”.

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner