Le Rsu del Comune di Catanzaro scrivono al sindaco: "Grave carenza di organico"

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Le Rsu del Comune di Catanzaro scrivono al sindaco: "Grave carenza di organico"
Umberto Cosco
  18 maggio 2021 13:44

"La rappresentanza sindacale unitaria (RSU) del Comune di Catanzaro ha inoltrato una comunicazione scritta al sindaco Sergio Abramo, all’assessore al Personale Danilo Russo e al dirigente del settore Personale Antonino Ferraiolo, per sottoporre alla loro attenzione la grave carenza di organico che interessa l’intera amministrazione comunale". Così in una nota del Coordinatore RSU Comune di Catanzaro, Umberto Cosco.

Le RSU "hanno inoltre evidenziato come la  carenza di personale sia diventata insostenibile  per gli uffici dei settori tecnici, sottolineando in particolare le condizioni in cui sono costretti ad operare i dipendenti del Settore Pianificazione Territoriale, Edilizia privata e Sue. L’esiguo personale in servizio non consente alla struttura il rispetto dei termini imposti da normative di legge per la definizione delle numerose e complesse pratiche in carico e, nonostante l’impegno profuso, si è accumulato un arretrato ingestibile esponendo  l’amministrazione comunale e i propri dipendenti a contenziosi e richieste di risarcimento danni".

Banner

Nella nota della RSU è stata inoltre "evidenziata la necessità di procedere con urgenza   all’espletamento delle procedure concorsuali  che consentano all’amministrazione di assumere nuovo personale al fine di attutire le criticità esposte. Rappresenta infatti un ulteriore segnale negativo il fatto che sia stata bloccata, e non se ne comprendono le motivazioni, la procedura concorsuale destinata all’assunzione di figure anche di profilo tecnico previste per l’anno in corso".

Banner

La RSU conclude "chiedendo all’amministrazione interventi immediati finalizzati a consentire all’intera struttura comunale di fornire all’utenza un livello di servizi accettabile, precisando che il perdurare delle gravi condizioni in essere, accentuata dall’ulteriore personale posto in quiescenza nell’anno in corso, obbligherà la RSU ad intraprendere tutte le legittime iniziative a tutela dei dipendenti".

Banner

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner