L'editoriale. Il Pd deve ritrovare la sua identità di partito se vuole continuare ad esistere

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images L'editoriale. Il Pd deve ritrovare la sua identità di partito se vuole continuare ad esistere
Tessera Pd

Venerdi Assemblea provinciale a Catanzaro

  11 ottobre 2022 22:55

di ENZO COSENTINO

Per venerdì in programma al TI Hotel di Lamezia una attesa riunione dell’Assemblea Provinciale del Pd di Catanzaro, allargata alla partecipazione di tutti gli iscritti. Analisi del risultato delle politiche. Risultato deludente e fa rima con perdente. In questi giorni, ad onor del vero, il Partito, attraverso interventi di suoi autorevoli esponenti, si è preso atto della situazione e ha lanciato messaggi di riconciliazione generale fra tutte le varie anime dem stante la necessità di ritrovare la dritta via per il rilancio.

Banner

Il senatore ed europarlamentare, Donato Veraldi- un decano della politica che nella sua lunga militanza dc ha ricoperto incarichi e ruoli istituzionali di governo- ha sostenuto in una nota social l’urgenza che il Pd valorizzi le risorse umane di cui anche territorialmente il partito dispone (ma forse lasciati nell’ombra per non togliere spazi alla vecchia classe dirigente).

Banner

Il Pd catanzarese, suo malgrado ha dovuto prendere atto anche della  recente sconfitta subita all’Ente provincia nella l’elezione del presidente. Circostanza che è stata invece festeggiata- con una vittoria- dal centrodestra. Centrodestra che tuttavia sa di dover restare con i piedi per terra e prendere atto delle proprie  debolezze. Ma questo è un altro discorso. Tornando al Pd di Catanzaro e provincia e all’appuntamento per l’analisi del “post voto” l’attesa è alta perché nella discussione assembleare saranno posti non pochi interrogativi. Uno dei quali, capire il perché nel territorio catanzarese il Partito ha perso il posto che nella passata legislatura aveva a Montecitorio (Antonio Viscomi non ricandidato) e nella corsa per un posto al senato sia rimasto a bocca asciutta  nonostante tutto l’impegno profuso in campagna elettorale dai due candidati (Iemma e Pitaro).

Banner

La riunione di venerdi il cui risultato si riverbererà certamente quando sarà il Pd regionale a ritrovarsi riunito per l’analisi del voto, o supera lo stato “comatoso” o continuerà ad essere il Partito di tanti e di nessuno. Un altro nodo da sciogliere è individuare chi alla fine dovrà guidare –senza istinti provincialistici- il difficile lavoro della transizione.

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner