L'editoriale, Pd: fra "apostoli di pace" e "profeti" di tempi migliori per il Capoluogo. Se verranno!

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images L'editoriale, Pd: fra "apostoli di pace" e "profeti" di tempi migliori per il Capoluogo. Se verranno!
Il ministro per gli Affari regionali, Francesco Boccia
  13 febbraio 2022 12:48

di ENZO COSENTINO

“Apostolo di pace” e “profeta di nuovi corsi” politici del Pd. E’ il ruolo che, quale responsabile nazionale del partito, il segretario Letta ha conferito a Francesco Boccia per fronteggiare le situazioni di Catanzaro. Situazioni che sono risolvibili, dicono nel Partito, se si costruisce una efficiente ed efficace organizzazione, indispensabile per una formazione che pretende di avere la leadership del centrosinistra. Una missione questa di Boccia che sarà supportata dal segretario regionale Nicola Irto.

Banner

E’ iniziata l’altro pomeriggio in una saletta del Guglielmo Hotel. L’argomento principe : il candidato sindaco del Capoluogo. Gli esponenti dem hanno ripetuto a getto continuo, più che per altro o altri, per rafforzare la tesi in loro stessi.  “Per vincere e unire bisogna essere molto generosi. Sono stati tutti i disponibili (riferimento a Casalinuovo, Donato e Fiorita) a trovare una soluzione unitaria". Difficile che almeno due dei tre candidati già in campo ma non con i colori del Pd quanto con quelli dei rispettivi movimenti civici, si ritirino. Anzi avrebbero fatto capire che ci sono e resteranno in campo separatamente. Nel Pd trovare una pace appare difficile e un armistizio non servirebbe alla causa e non farebbe forte il Partito. Se alla situazione dei dem (con le ripercussioni inevitabili nello schieramento di centrosinistra) si aggiunge quella quasi identica (che gli interessati tentano di smentire allo stato attuale con le parole) nel centrodestra viene fuori un quadro politico catanzarese di scarsa consistenza, persino deprimente, che relega Catanzaro nella penultima se non nell’ultima posizione fra le cinque province.

Banner

La individuazione di un candidato sindaco di spessore è ancora problematica e vi sarebbero stati rifiuti di una certa importanza. Il Partito si è preso tempo per arrivare alla decisione. La prossima settimana e sino a venerdì Pd, "alzati e cammina" per i congressi provinciale e cittadino. Ma di unità e programmi neppure l'ombra.  

Banner

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner