Legalizzazione cannabis, "Il dolore non aspetta": l'iniziativa a supporto di Walter De Benedetto arriva a Catanzaro (VIDEO)

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Legalizzazione cannabis, "Il dolore non aspetta": l'iniziativa a supporto di Walter De Benedetto arriva a Catanzaro (VIDEO)
"Il dolore non aspetta" - La manifestazione per Walter De Benedetti

L'iniziativa simbolica si è tenuta davanti a tutti i tribunali d'Italia ed anche davanti alla Corte d'Appello di Catanzaro. Un gruppo di giovani tra cui Jasmine Cristallo hanno presenziato con gli slogan "meglio legale" e "il dolore non aspetta".

  27 aprile 2021 14:28

di ANNA TRAPASSO

"Il dolore non aspetta": questo lo slogan che, in breve, racchiude il senso dell'iniziativa di questa mattina davanti alla Corte d'Appello di Catanzaro e, in contemporanea, davanti a tutti i tribunali d'Italia.

Banner

Banner

Un sit-in per esternare la propria vicinanza a Walter De Benedetto, il giovane affetto da una grave forma di artrite reumatoide che oggi sarà processato ad Arezzo per aver coltivato in proprio delle piante di cannabis, destinate ad uso curativo della sua dolorosa patologia. Poco dopo il sit-in, De Benedetto è stato assolto. 

Banner

"Trovo inconcepibile che una persona affetta da una patologia così invalidante e dolorosa debba subire un processo per aver semplicemente chiesto qualcosa di legittimo, trovandosi a dover coltivare da sé una sostanza che, invece, il servizio sanitario nazionale dovrebbe garantirgli". Così Jasmine Cristallo, anche lei coinvolta nella manifestazione organizzata dall'associazione "Meglio legale".

"Il dolore non aspetta", questo il nostro slogan per dire che non possiamo rimanere sordi davanti alla storia di Walter, che è soltanto una tra le tantissime altre storie di dolore gravi, storie di patologie che possono esser curate con la mariiuana il cui veto è da sempre legato a politiche di matrice proibizionista. Politiche che hanno fallito drammaticamente, lo raccontano i numeri e la storia. Noi abbiamo il dovere di provare a sostenere Walter, non possiamo che indignarci -ha concluso Jasmine Cristallo- poichè un paese civile non porta a processo un uomo ridotto in quelle condizioni, un uomo che è già in carcere nel suo corpo". 

 

Simbolo della battaglia per l'autocoltivazione, un annaffiatoio. Affinchè la coltivazione di cannabis sia non solo depenalizzata, ma legalizzata in Italia come in altri paesi civili del mondo.  

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner