L'emigrazione al centro di un dibattito con Costantino Mustari e gli alunni della scuola media di Pentone

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images L'emigrazione al centro di un dibattito con Costantino Mustari e gli alunni della scuola media di Pentone

  22 ottobre 2022 20:03

Lo scottante tema dell'emigrazione è stato al centro di un incontro nella scuola secondaria di primo grado di Pentone, dipendente dall’I.C. di Taverna, diretto dalla D.S. Maria Rosaria Sganga. L’occasione è stata preparata dalla prof. Rossella Tallerico, che ha invitato a discutere di questo argomento con gli alunni della 3^ F Costantino Mustari, autore di romanzi storici, nei quali i protagonisti delle storie che racconta si muovono in contesti locali, prevalentemente della Presila catanzarese, nei periodi del Brigantaggio, con le vicende ad esso conseguenti, e dell’emigrazione tra Ottocento e Novecento. 
 
Lo spunto è stato offerto dalla lettura dell’ultimo romanzo del prof. Mustari, “L’odore del pane”, edito da Tralerighelibri di Lucca, nel quale il protagonista, Gino Pulerá che ha avuto un passato tra i briganti e che in in momento di rabbia incontrollata ha ucciso un uomo, dopo aver scontatola pena, emigra negli USA, dove con il lavoro e con una condotta onesta e leale si ricostruisce la vita, non dimenticando mai le sue origini calabresi. Nei prossimi giorni il Sindacato Libero Scrittori Italiani sezione Calabria, presieduto da Luigi Stanizzi, renderà note le date in cui il libro dello scrittore Costantino Mustari, "L'odore del pane", verrà presentato al pubblico  da prestigiosi relatori a Pentone e a Catanzaro.
Nella scuola si è parlato di emigrazione, delle sue ragioni storiche e sociali, dei flussi migratori italiani aldilà dell’oceano, nel Nord Europa e nella direttrice sud/nord all’interno del nostro paese, delle condizioni di vita dei nostri emigrati nelle zone di arrivo, dei riflessi economici dell’emigrazione, di figure di emigrati che si sono distinti all’estero, della “nuova emigrazione”, oggi intellettuale piuttosto che di mano d’opera. 
Non sono stati trascurati i riferimenti alla più recente e all’attuale condizione dell’Italia, diventata paese di immigrazione. 
 
Stimolanti e pertinenti le domande dei ragazzi rivolte al prof. Mustari. 
La dirigente scolastica ha concluso l’incontro invitando gli alunni a osservare la realtà e a riflettere su di essa per diventarne protagonisti attenti, liberi da condizioni preconcette e tesi ad operare sempre nel segno della solidarietà.
 

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner