Lettera a Tito, il Libro “Calabria prima Italia” letto e recensito in Australia da Vanessa Lanciano

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Lettera a Tito, il Libro “Calabria prima Italia” letto e recensito in Australia da Vanessa Lanciano
Vanessa Lanciano e Nick Scerri sposi a Roma
  30 gennaio 2024 14:50

di DOMENICO LANCIANO

Caro Tito, ricorderai sicuramente il fatto di Vanessa Lanciano (classe 1986, avvocato come il marito e anche giornalista) quella mia cugina australiana di Perth la quale, nel giugno 2022, ha voluto chiamare la sua primogenita “Milania” in onore di Milano città per quanto è innamorata dell’Italia. Ed ha avuto pure una lettera di saluto, auguri, complimenti e ringraziamenti dal sindaco del capoluogo metropolitano lombardo Beppe Sala (https://milano.repubblica.it/cronaca/2022/11/11/news/milania_scerri_bambina_australia_genitori_milano_beppe_sala-374034359/).  Inoltre, ha tanto desiderato diventare “cittadina italiana” e qualche anno fa ha pure voluto sposarsi a Roma, nella basilica dei Santi Cosmo e Daniano (del sesto secolo dopo Cristo) ai Fori Imperiali, come mostra la foto di copertina. Appena può, viene in Italia con il simpaticissimo marito Nick Scerri e, nel giugno 2023, pure con la bellissima Milania. Ama follemente la nostra Calabria e già pensa di trasferirsi qui, una volta andata in pensione. Si sente profondamente calabrese, pure perché suo nonno paterno, Vincenzo Lanciano (mio cugino primo), le ha travasato tutta la sua nostalgia per Badolato e la Calabria. Da parte mia, cerco di descriverle anche le bellezze storico-culturali della nostra regione (in particolare della “Calabria Prima Italia”) rispondendo di ogni sua curiosità e tenendola informata su tutti i nostri parenti. Per questo suo grande amore ed attaccamento alla Calabria, nel giugno 2023 ha ricevuto il Premio Prima Italia (come dimostra la seguente foto che la ritrae assieme a me e al marito).

Banner

Banner

Ovviamente, è stata la prima ad acquistare e leggere l’edizione originale inglese del libro “Calabria the first Italy” scritto dalla docente americana Gertrude Slaughter e pubblicato nel luglio 1939 dall’Università del Wisconin in Medison (USA). Le ho chiesto di scriverne una piccola recensione. Cosa che ha fatto prontamente. La riporto qui di sèguito sia nella sua traduzione in italiano e sia nel testo inglese. Ti ricordo che nello scorso mese di novembre 2023 è stata stampata a Fano (PU) l’edizione italiana di “Calabria la prima Italia” dall’editore Giuseppe Meligrana di Tropea con la traduzione di Sara Cervadoro (docente calabro-romana), ancora disponibile per l’acquisto nei circuiti web. Ma ecco la recensione di Vanessa.

Banner

Rassegna

Quando si pensa all’Italia, spesso non si pensa ad altro che alla pizza, alla pasta o a monumenti come lo spettacolare Colosseo. Quando si pensa alla Calabria, soprattutto chi non ha visitato la regione, spesso l’associa alla famigerata ‘Ndrangheta. Forse perché la percezione degli stranieri è influenzata dai film hollywoodiani ispirati alla mafia o forse perché si conosce poco o nulla della Calabria.  Ma come un iceberg, c’è tanta grandezza che giace sotto la superficie e che non è stata ancora rivelata del tutto.

Nei suoi scritti sulla Calabria, la Slaughter riesce a cogliere magnificamente come la regione abbia dato origine al nome “Italia”.  Tale nome le fu dato dal re Italo 3500 anni fa; ed è quello con cui oggi chiamiamo l’intero Paese a forma di stivale. È interessante notare che, leggendo questo libro 85 anni dopo la sua pubblicazione, sembra che il tempo si sia fermato.  Una capsula del tempo, se vogliamo, un diario di viaggio. Se avete mai avuto il piacere di visitare la Calabria, vi sentirete in sintonia con l’esperienza di Slaughter con la gente del posto, che è molto gentile e generosa.

Slaughter descrive cronologicamente come la Calabria si sia poi evoluta con le colonie greche, note anche come Magna Grecia. Questa regione fu ampiamente abitata da coloni greci e, di conseguenza, la zona costiera della Calabria fu principalmente di lingua greca. Slaughter ripercorre il ricco e antico passato della Calabria, dal dominio di Bisanzio alla conquista normanna dell’XI secolo; racconta anche le numerose e affascinanti figure chiave che si sono avvicendate per dare forma alla cultura calabrese.

“Calabria la prima Italia” è un classico della letteratura che dovrebbe essere presente in ogni casa e scuola calabrese. La Slaughter, autrice americana che non aveva legami di sangue con la Calabria (che noi conosciamo), non solo ha abbracciato la cultura, la lingua e la storia di tale regione meridionale, ma è chiaro che vi si è sentita profondamente legata, così da renderle un meraviglioso omaggio attraverso il suo libro e per questo le siamo grati.

Il mio legame personale

A ogni pagina girata, sorridevo mentre imparavo qualcosa di nuovo sulla mia eredità di calabrese. La Calabria ha influenzato l’Italia come la conosciamo oggi, eppure stranamente sembra che la regione sia poco valorizzata o apprezzata.  La Calabria è come il personaggio di Cenerentola. Questa bellissima regione, che è stata tenuta segreta, forse fino ad ora… Un ringraziamento speciale a mio cugino, Domenico Lanciano, dottore di ricerca e giornalista, che ha riscoperto il libro di Slaughter.


Vanessa Lanciano

Una lettura facile anche per i viaggiatori in poltrona o per chi vuole saperne di più sul Sud Italia. Raccomando questo libro anche alla vecchia generazione di calabresi che sono emigrati in Australia dopo la guerra e che, a causa dell’età o della salute, non possono fare il viaggio di ritorno in Calabria. Questo libro li renderà sicuramente orgogliosi e forse li trasporterà anche ad alcuni dei bei ricordi che hanno della loro vita e delle loro tradizioni calabresi.

SALUTISSIMI

Caro Tito, dopo le belle ed interessanti recensioni del prof. Lorenzo Viscido (squillacese di New York), di Gaetano Drosi (ex sindaco di Davoli –CZ) e del filosofo andreolese Salvatore Mongiardo (scolarca della nuova Scuola Pitagorica di Crotone), ringrazio mia cugina Vanessa per questa sua bella testimonianza. E’ stata veramente assai gentile nel volerla condividere con noi. Adesso sono in attesa del commento di altri Amici sul grande ed affettuoso lavoro di Gertrude Slaughter, che – per quanto datato e forse condizionato da situazioni storiche ed esterne – può restare a base della migliore conoscenza sulla nostra Calabria. Pure per questo la stessa Vanessa raccomanda che ogni scuola ed ogni famiglia si doti di questo utilissimo strumento di cultura identitaria.

Spero che la preziosa Vanessa possa e voglia pubblicare la recensione in inglese in qualche giornale australiano e quella in italiano su qualche periodico della nostra emigrazione così da informare i nostri concittadini lì residenti e, in particolare, le loro più giovani generazioni. So che ha già inviato questo suo piccolo omaggio fatto alla Calabria e alla Slaughter pure ai suoi contatti più diretti per cercare di fare innamorare della nostra Terra quante più persone possibile. Passo ai ringraziamenti e ai saluti, in attesa di inviarti la “Lettera n. 515”. A presto, Domenico Lanciano (www.costajonicaweb.it)

ITER-City, lunedì 29 gennaio 2024 ore 19.23 – Da 56 anni (dal settembre 1967) il mio motto di Wita è “Fecondare in questo infinito il metro del mio deserto” (con Amore). Le cinque foto personali mi sono state fornite da Vanessa Lanciano, due sono mie.

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner