L'evento a Roma dei Bronzi di Riace, Occhiuto: "Due guerrieri per promuovere la Calabria"

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images L'evento a Roma dei Bronzi di Riace, Occhiuto: "Due guerrieri per promuovere la Calabria"

  07 luglio 2022 13:42


”Oggi festeggiamo i cinquant’anni dal ritrovamento dei Bronzi di Riace e l’auspicio è che questi festeggiamenti rappresentino un cambio di passo nella valorizzazione di questo straordinario attrattore culturale, non soltanto per la Calabria ma per tutto il Paese. Per questo sono particolarmente felice della presenza del ministro Franceschini e di tutte le istituzioni coinvolte“.

Lo ha detto il presidente della Regione Calabria, Roberto Occhiuto, intervenendo, a Roma, alla conferenza stampa di presentazione delle iniziative in programma per la celebrazione del cinquantesimo anniversario del ritrovamento dei Bronzi di Riace.

“Oggi la Calabria si presenta mostrando al Paese anche quello che a volte il Paese non conosce. Non è il caso dei Bronzi, perché sono conosciuti in tutto il mondo, ma questi due guerrieri dovrebbero essere il veicolo per far conoscere al resto del Paese tutte le altre opportunità, dal punto di vista culturale, che la Calabria offre.
Appena insediatomi ho tenuto a modificare la struttura della Regione, cambiando Dipartimento della Cultura in Dipartimento degli Attrattori culturali, perché la cultura non deve essere solo sedimentazione della storia, ma deve saper essere anche un attrattore di sviluppo. E la Calabria ha straordinari attrattori culturali di sviluppo. I Bronzi ne sono un esempio eccellente.
La nostra Regione è spesso conosciuta soltanto per i suoi straordinari paesaggi, per la montagna, per il mare, per i borghi; il resto del Paese non sa, invece, quante ricchezze siano custodite in Calabria, che è la terra della Magna Graecia, la terra che custodisce la memoria di un uomo conosciuto da tutti, anche dai bambini, se non altro perché ha legato il suo nome a un famoso teorema: Pitagora.
Una terra ricca di opportunità che in questi 50 anni la stessa Calabria ha saputo forse poco valorizzare, e di cui anche il Paese si è accorto troppo poco.
Per questo sono felice che si riesca oggi, con l’autorevole presenza del ministro della Cultura, a presentare al Paese la ricchezza della Calabria.
Da qui ripartiamo, con un cambio di passo, sommando alla nostra volontà e alla nostra determinazione la forza dirompente di due straordinari guerrieri come i Bronzi di Riace”, ha concluso il presidente Occhiuto.

"Cannes, Berlino, Roma, Milano, e tante altre tappe. Raccontereremo la Calabria contemporanea con una ricca progettualità digitale, a partire dai già annunciati 'cubotti'". Ad annunciarlo è stata a Roma, durante un convegno svoltosi stamane alla Camera dedicato alle iniziative per i 50 anni dal rinvenimento dei Bronzi di Riace, la Vicepresidente della Regione Calabria, Giusi Princi. L'iniziativa è stata definita in conferenza stampa come “Cubo Stage”, installazione artistica a forma di cubo di 4 metri per lato, "con proiezioni video, animazioni e suggestioni visive accompagnate da musica originale; ricostruzione creativa del concetto di Magna Grecia nell’oggi - ha spiegato Princi - che debutterà nei prossimi mesi in un tour europeo in alcune delle maggiori città e che rappresenterà poi la Calabria e i bronzi in un viaggio all’interno di contenitori culturali e festival tra i più rinomati al mondo".

Banner

Per il presidente del Consiglio regionale Filippo Mancuso: “La promozione della ricorrenza dei 50 anni dal ritrovamento dei bronzi di Riace, sarà l’occasione per comunicare la bellezza dei due capolavori scultorei dell’arte greca classica, ma anche per segnalare il prestigio dei tanti beni culturali che la Calabria mette a disposizione dell’umanità e che vanno salvaguardati e valorizzati. Al contempo, le iniziative programmate potranno rimarcare l’importanza strategica della Calabria quale ponte dell’Occidente verso l’Africa e l’Asia. Il Consiglio regionale partecipa all’evento con più iniziative, tra cui un convegno (“Cinquant’anni…e molto di più. Valorizziamo il patrimonio culturale calabrese”) che si terrà nell’Aula consiliare il 20 luglio con la partecipazione dei sindaci della Calabria”.  

Banner

Banner

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner