L'incontro. La "vocazione" di Luigi Aloisio (FI): "E' impegnativo ma mi ricandido per il quarto mandato a San Sostene"

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images L'incontro. La "vocazione" di Luigi Aloisio (FI): "E' impegnativo ma mi ricandido per il quarto mandato a San Sostene"

  07 giugno 2021 23:22

di ENZO COSENTINO

Per l’avvocato Luigi Aloisio fare il Sindaco è una vocazione. Lo fa nel Comune di San Sostene dal 2001 ed è tuttora in carica. Ci riprova anche nella prossima consultazione amministrativa. Per lui è una “bella favola” da vivere ad occhi aperti. Senza mai dimenticare che l’incipit a questa “mission” gli lo ha tramandato una sua ava. La nonna materna, Virgina Cundari che nel 1952 indossò, prima ed unica donna ad avere questo privilegio, la fascia tricolore di “primo cittadino” del ridente centro del basso versante Jonico. Luigi Aloisio è oltre che un amministratore in prima linea, presidente dell’Unione dei Comuni di tutto il  versante jonico, un politico. Convinto come è –e non sbaglia- che i due ruoli non viaggiano su rettilinei paralleli ma su binari che si intersecano. E recentemente Luigi Aloisio ha fatto una scelta politica, sicuramente ponderata, salutare la Lega e passare a FI. Sempre e comunque nell’ambito della coerenza ideologica di centrodestra. Il senatore Giuseppe Mangialavori, coordinatore regionale di FI lo ha recentemente impegnato con la nomina di coordinatore del per il basso versante jonico. Luigi Aloisio è stato nostro ospite per la rubrica “L’incontro”. E nel corso della intervista ha parlato del ruolo importante dei Sindaci in territori che rischiano di essere marginalizzati da scelte politiche miopi, di problemi della sanità calabrese “malata cronica”, di necessità di valorizzare le risorse turistiche della sua zona e delle non poche difficoltà che lui come tanti altri Sindaco ha dovuto affrontare in tempo di Covid per essere sempre vicino a tutta la sua comunità. Vi proponiamo quindi la visione dell’intera intervista rilasciata da Luigi Aloisio.

Banner

Banner

Banner

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner