L’istituto “De Nobili” di Catanzaro celebra la giornata nazionale del Braille

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images L’istituto “De Nobili” di Catanzaro celebra la giornata nazionale del Braille

  03 marzo 2022 09:58

Un incontro ricco ed emozionante, di quelli indispensabili nella formazione e  nell’educazione dei giovani , si è tenuto lo scorso 1 Marzo presso l’Istituto “De Nobili” di Catanzaro e  ha visto protagonisti una delegazione di studenti delle classi quinte e  i rappresentanti  della sezione catanzarese dell’Unione Italiana Ciechi. L’occasione è stata legata alle celebrazioni annuali della giornata nazionale del Braille , quest’anno fissata al 21 febbraio 2022. L’istituto “De Nobili”,  diretto dal Dirigente Angelo Gagliardi,è da tempo avvezzo ad iniziative analoghe.  Una grande occasione, quella pensata, organizzata e resa possibile grazie alla sinergia operata dalla dirigenza dell’Istituto e dai vertici catanzaresi di UICI, guidati da Luciana Loprete.  I ragazzi coinvolti  hanno avuto l’opportunità di compiere un percorso formativo utile a far prendere loro coscienza della cecità, delle sue implicazioni e dell’importanza del sistema di lettura per non vedenti realizzato dal francese Louis Braille nel XIX secolo.

Nel corso dell’incontro si è discusso anche degli scopi dell’associazione e del trattamento che si riserva alle persone  non vedenti e ipovedenti,  e soprattutto è stato possibile imparare le nozioni di base sull’utilizzo dell’alfabeto Braille: gli alunni hanno scritto  il proprio nome sull’apposito strumento di scrittura, e, al termine  dell’incontro hanno preso consapevolezza che  esso vada promosso e insegnato nelle scuole.

Banner

“Ci teniamo a ringraziare di cuore il nostro Dirigente Prof. Angelo Gagliardi – ha affermato il rappresentante della Consulta - per aver reso possibile questa esperienza e auspichiamo che essa si possa ripetere nei prossimi anni”.

Banner

Una bellissima mattinata,  insomma, per i giovani studenti  che hanno  partecipato a un simposio rivelatosi copioso di contenuti, in cui s’è parlato non solo di diritti e integrazione, ma di Umanità, nel senso pieno della sua complessa accezione: Umanità quotidiana, vera, tangibile. Quell’Umanità, che , da tempo ormai, rappresenta  la passione, il mezzo e il fine dell’I.I.S. “ De Nobili”.

Banner

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner