L'omaggio di Cerva al nuovo arcivescovo metropolita di Reggio Calabria-Bova, Fortunato Morrone

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images L'omaggio di Cerva al nuovo arcivescovo metropolita di Reggio Calabria-Bova, Fortunato Morrone
Il nuovo vescovo Fortunato Morrone
  20 marzo 2021 19:24

Chi è animato da un’ardentissima vocazione religiosa sa come ergersi a guida spirituale e  lascia sempre una traccia indelebile  di sè.

Vale per Mons. Fortunato Morrone, appena  nominato arcivescovo metropolita di Reggio Calabria-Bova.

Banner

L’investitura dell’apprezzato religioso  scavalca confini provinciali  e ha avuto una bella eco anche nella piccola Cerva, paesino pedemontano in provincia di Catanzaro.

Banner

Edificante la testimonianza di Anna. Non cerca vetrine la cittadina cervese e non vuole far conoscere il suo cognome, ma ci tiene a proferire ad alta voce queste parole: “Auguri a don Fortunato Morrone per la Sua nomina ad Arcivescovo Metropolita di Reggio Calabria- Bova. Ho avuto modo di conoscerlo in passato.

Banner

Solo  pochi incontri, avvenuti parecchi anni fa, ma importanti per apprezzare l’impegno di don Fortunato, e dei suoi collaboratori, nell’accoglienza e nell’inclusione di persone che per motivi diversi necessitavano di un sorriso, di una frase, di un gesto che potessero consolare e confortare, guidare nel cammino di fede, non sempre solida.

Quando necessario sapeva stare in silenzio, in attesa che fosse l’altro pronto a parlare, sempre in una posizione di ascolto, senza forzature o prediche.

Questo incontro è stato di grande aiuto quando la vita ha presentato momenti non proprio semplici, perché oltre alla malattia e alla morte, si sono trovati muri di gomma che nulla hanno da spartire con l’amore per il prossimo.

In quei momenti il sorriso e le parole di don Fortunato sono stati un conforto e una motivazione a credere che in Calabria ci sono persone con un grande cuore, pronti ad accogliere tutti.”

Fortunato Morrone  proviene dal clero di Crotone- Santa Severina, è stato parroco di San Leonardo di Cutro  e anche docente di teologia sistematica presso l’Istituto teologico calabro: ora nuova sfida per chi non difetta di virtù. 

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner