"Mai più un banco vuoto": all'I.C. Pascoli Aldisio di Catanzaro le giornate contro il cyberbullismo

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images "Mai più un banco vuoto": all'I.C. Pascoli Aldisio di Catanzaro le giornate contro il cyberbullismo

  10 febbraio 2022 12:59

Grande entusiasmo e grande partecipazione all'Istituto comprensivo “Pascoli Aldisio di Catanzaro, diretta dal prof. Raoul Elia, hanno suscitato le giornate del cyberbullismo e dell'Internet Safer Day, tenutesi, all'interno del progetto “Mai più un banco vuoto”  promosso dalla Onlus Fare per bene, rispettivamente il 7 e l'8 febbraio.

Questo progetto che ha visto coinvolte, per la prima parte dell'anno, tutte le prime e le seconde classi della Scuola secondaria di I grado “G. Pascoli”, ha dato alle ragazze ed ai ragazzi la possibilità di avere una formazione sul tema del cyberbullismo offerta da esperti digitali, psicologi e Forze dell'ordine, formazione che ha fatto loro comprendere i pericoli della rete informandoli, al contempo, sull'importanza del conoscere per non essere vittime, prevenire un fenomeno tanto diffuso quanto pericoloso e quindi evitare il banco vuoto espressione diventata virale nelle nostre classi. 

Banner

In queste giornate nazionali per la lotta al cyberbullismo, l' I.C. “Pascoli-Aldisio” si è vestito di blu per dire no al bullismo. La challenge “La rete siamo noi io dico no al cyberbullismo”, infatti, consisteva nell'indossare qualcosa di blu per essere solidali con le vittime del bullismo. Tutta la scuola si è tinta di blu, a dimostrazione di un impegno che ha coinvolto ogni ragazza e ogni ragazzo dell’Istituto, che si è sentito messaggero dell'hashtag “la rete siamo noi - Mai più un banco vuoto”. 

Banner

Ancora una volta l’Istituzione scolastica ha dimostrato in modo compatto, con  la partecipazione attiva ed entusiasta di alunni e personale, di avere ben in mente e di voler diffondere i valori di solidarietà e comprensione reciproca alla base di ogni convivenza civile. Ancora una volta  la scuola si pone come motore civile e culturale della società.

Banner

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner