Migranti tunisini diretti in Italia dispersi in mare, Corbelli (Diritti civili): "Il ministero dia notizie alle loro famiglie"

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Migranti tunisini diretti in Italia dispersi in mare, Corbelli (Diritti civili): "Il ministero dia notizie alle loro famiglie"
Franco Corbelli (Movimento Diritti Civili)
  04 giugno 2021 14:40

Immigrazione. La tragedia dimenticata! Il leader del Movimento Diritti Civili, Franco Corbelli, da oltre 25 anni impegnato ad aiutare gli immigrati e promotore della grande opera umanitaria, il Cimitero internazionale dei Migranti, in fase di realizzazione a Tarsia, in Calabria, conosciuto e apprezzato dal Vaticano e in tutto il mondo, denuncia “il dramma di 5 giovani migranti tunisini di cui non si hanno notizie da cinque giorni e che potrebbero essere tra i dispersi dell’ultimo naufragio, avvenuto nelle ultime ore, al largo della Tunisia, con, si pensa, una trentina di morti”. Corbelli contattato, da una parente di uno di questi giovani, che vive in Calabria,  lancia “un appello al Ministero degli Interni per avere notizie di questi cinque ragazzi, i cui nomi sono Hosni Trovi, Aziz Touzni, Siamo Hammemi, Male Chortani, Semah (di questo non si conosce il cognome)" afferma il leader di Diritti Civili, in una nota.

"Questi giovani, tra i 25-30 anni, tutti amici dello stesso quartiere tunisino, erano partiti, - prosegue - su una piccola barca, da Hammamet, domenica a mezzanotte e prevedevano di arrivare in Sicilia, a Pantelleria, lunedì mattina. Di loro si sono purtroppo perse le tracce. E da lunedì non rispondono più al cellulare che prima ha squillato a vuoto e adesso non suona più. I familiari di uno di loro, Male Chortani, assai preoccupati si sono messi in contatto con una lontana parente che vive in Calabria per cercare di avere qualche informazione, per sapere se erano arrivati in Italia, continua Corbelli. Purtroppo al momento non si ha  nessuna notizia di questo giovane e degli altri suoi quattro amici".

Banner

"La tunisina parente di questo ragazzo, che vive a Cosenza, l’ho sentita al telefono e mi ha raccontato questo dramma, la preoccupazione e l’ansia della famiglia di questo ragazzo e dei familiari degli altri quattro giovani. Purtroppo non riescono ad avere alcuna informazione. La loro paura è accresciuta dalla notizia proprio di queste ultime ore del nuovo naufragio al Largo della Tunisia con una trentina di dispersi. Si spera che questi  cinque giovani non siano tra questi dispersi. Chiedo al Ministero degli Interni di dare una risposta ai familiari di questi ragazzi, - conclude - per far sapere se hanno informazioni sulla sorte di questi cinque giovani tunisini! La speranza naturalmente è che questi giovani possano essere riusciti a salvarsi”.

Banner

Banner

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner