Mobilità nel centro storico a Catanzaro, venerdì il secondo appuntamento con Lorenzo Bertuccio

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Mobilità nel centro storico a Catanzaro, venerdì il secondo appuntamento con Lorenzo Bertuccio

  10 aprile 2024 12:08

Si terrà venerdì prossimo 12 aprile presso la Sala Concerti di Palazzo De Nobili e con inizio alle ore 14:30 la seconda delle giornate di (in)formazione e ascolto dedicate al tema della mobilità nell’economia del centro storico. Anche in questa circostanza, saranno presenti il sindaco Fiorita, l’assessore alle Attività economiche Borelli e l’esperto di mobilità urbana Lorenzo Bertuccio.

Il primo incontro, tenutosi venerdì scorso nella biblioteca De Nobili, è stato dedicato agli obiettivi e alle strategie, partendo da un quadro conoscitivo, analizzando il posizionamento di Catanzaro nel panorama delle cosiddette città intermedie, consentendo così ad associazioni di categoria, sindacati, imprenditori, manager, titolari di attività commerciali, rappresentanti delle istituzioni  numerosi ospiti di apportare un contributo fattivo alla discussione.

Banner

In attesa del secondo appuntamento, l’assessore Borelli si è detto “molto soddisfatto” del lavoro portato avanti fin qui. “Il coinvolgimento di tutti gli attori interessati al rilancio del centro storico si è rivelata la scelta giusta. Non solo per la nutrita partecipazione alla prima giornata sulla mobilità ma soprattutto per la qualità dei contributi raccolti. Ecco perché per l’appuntamento di venerdì 12 puntiamo ad allargare ulteriormente la platea attraverso un coinvolgimento sempre maggiore, soprattutto degli operatori del centro perché facciano sentire direttamente la loro voce e non solo attraverso la mediazione delle loro rappresentanze. Incentiviamo la partecipazione diretta perché i progetti di comunità funzionano proprio grazie alla presenza di tutti. Una progettualità efficace, infatti, è quella che non contiene elementi rigidi ma quella che fa sintesi della volontà collettiva di individuare le valutazioni comuni che possono arrivare, in questo caso, a un nuovo modello di mobilità. Un modello che per la prima volta poggia su numeri, flussi, dati che possono aiutare a prendere delle decisioni importanti e non più rinviabili, se davvero vogliamo risollevare le sorti del centro storico.

Banner

Banner

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner