Mobilità passiva, 1.860 assunzioni e 'lavoro' sul debito fino al 2025: Occhiuto approva il programma operativo

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Mobilità passiva, 1.860 assunzioni e 'lavoro' sul debito fino al 2025: Occhiuto approva il programma operativo

Prima ricognizione entro dicembre 2022 ma l'operazione terminerà soltanto nel dicembre 2024. Prevista una graduale contrazione della mobilità passiva evitabile

  21 novembre 2022 14:44

di GABRIELE RUBINO

Riduzione della mobilità passiva, implementazione dell'offerta sanitaria sia con un rafforzamento del personale e sia delle strutture e dei macchinari e conti in attivo. E' il quadro d'insieme del programma operativo 2022-25 approvato dal commissario ad acta Roberto Occhiuto, dopo un lungo tira e molla con i ministeri affiancanti. 

Banner

Il documento di circa 300 pagine altro non è che la prosecuzione del Piano di Rientro della sanità calabrese per il prossimo triennio. Quasi in cima alle priorità c'è un capitolo dedicato alla riduzione della mobilità passiva, almeno quella evitabile.  L'obiettivo è "il recupero - si legge nel documento -  del 25% della mobilità evitabile (pari a circa 25 milioni su 100.764.108 euro) nell’anno 2023 e del 40% (pari a circa 40 milioni) nell’anno 2024". 

Banner

Sul fronte del personale viene ricalcata la 'manovra d'autunno' già annunciata nelle scorse settimane. Le assunzioni previste nel triennio sono pari a 1860. Poiché si sbloccherebbero i 12 milioni previsti dal Decreto Calabria proprio per il reclutamento, si dovrà seguire la regola di prediligere le graduatorie già esistenti prima di procedere a nuovi concorsi. 

Banner

Nel documento viene indicato dicembre 2022 come termine per la ricognizione complessiva del contenzioso ma è vero altrettanto che l'insieme delle azioni collegate fra loro (fra cui la gestione del contenzioso, la verifica e gli incroci dei documenti contabili delle aziende) termineranno soltanto nel dicembre 2024. 

Anche se viene esplicitamente citata l'integrazione fra i due ospedali di Catanzaro e una serie di analisi sui tassi di occupazione dei posti letto, il programma operativo non contiene la nuova rete ospedaliera che, ad ogni modo, viene annunciata come da approvare con un separato decreto entro "dicembre 2022".

Il quadro programmatico (cioè quello che incorpora le azione dello stesso programma operativo) del conto economico della sanità regionale presenta un avanzo di gestione di circa 111 milioni di euro dal 2022 al 2024. 

 

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner