Mobilitazione Coldiretti basta cinghiali e fauna selvatica incontrollata: primo passo della Regione

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Mobilitazione Coldiretti basta cinghiali e fauna selvatica incontrollata: primo passo della Regione
Il pericolo della proliferazione incontrollata di cinghiali
  13 giugno 2024 20:58

A seguito dell'annunciata mobilitazione indetta dalla Coldiretti Calabria per dire “Basta  cinghiali e fauna selvatica incontrollata”, nonché a seguito delle proficue e corrette interlocuzioni con la politica regionale, nelle persone del Presidente della Giunta e dell'Assessore all’agricoltura, oggi pomeriggio la Giunta regionale ha adottato la delibera d'impegno ad adottare il Piano Straordinario per il contenimento della fauna selvatica entro 90 giorni.

Confermiamo per martedì 18 giugno p.v. dalle ore 9:30 presso la sede della Regione Calabria sulla Strada Statale 107 Vaglio Lise – Cosenza, la mobilitazione per testimoniare quanto sia sentito il problema e per velocizzare l’iter procedurale per la definitiva adozione del Piano, per il quale continueremo a dare supporto e contributo, nonché per rafforzare ulteriormente la richiesta di efficientare gli Ambiti Territoriali di Caccia (ATC) e sburocratizzare e velocizzare le procedure di indennizzo dei danni subiti. Questo quanto dichiara Franco Aceto Presidente di Coldiretti Calabria. E’un primo passo in avanti sicuramente molto importante che deve essere seguito in tempi rapidi da azioni concrete che portino, in tempi ragionevolmente rapidi, alla drastica riduzione del numero di cinghiali nelle aziende agricole, ma anche per  i cittadini perchè la vicenda investe  la totalità dei comuni calabresi, dalle campagne ai centri abitati.

Banner

Da tutta la regione stiamo avendo tantissime adesioni di agricoltori, cittadini e rappresentanti delle istituzioni e quindi abbiamo il dovere di andare avanti, pur ringraziando il presidente Occhiuto e l’assessore Gallo per avere  recepito la portata del problema. Questo è un primo risultato ma ci sono problemi aperti quali ad esempio, i risarcimenti da parte degli Enti,  i problemi sanitari legati alla tutela del patrimonio zootecnico in particolare suinicolo e ci sia consentito – afferma il leader di Coldiretti -  anche gli sviluppi che avrà l’approvazione della delibera approvata che deve avere un rapido impatto sul territorio.  Quindi andiamo avanti, la mobilitazione continua con lo spirito collaborativo di sempre. L’appuntamento con gli agricoltori e la politica regionale è per martedì 18 a Cosenza.

Banner

Banner

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner