Naufragio di Cutro, 20 anni di reclusione al timoniere del caicco

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Naufragio di Cutro, 20 anni di reclusione al timoniere del caicco

  05 luglio 2024 16:31

E' stato condannato a venti anni di reclusione e 3 milioni di euro di multa Mohamed Abdessalem, il siriano di 26 anni accusato di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina, naufragio colposo e di morte come conseguenza del delitto di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina, in sostanza di essere uno degli scafisti del caicco Summer Love, naufragato davanti alla spiaggia di Steccato di Cutro il 26 febbraio 2023 e nel quale hanno perso la vita 94 migranti, tra i quali 35 minori, con un numero imprecisato di dispersi.

Il gup del Tribunale di Crotone, Assunta Palumbo, a conclusione del processo con rito abbreviato, ha accolto integralmente la richiesta di condanna dell'accusa rappresentata pubblico ministero Pasquale Festa. Il ventiseienne siriano era stato arrestato nel dicembre 2023 nel carcere di Lecce dove si trova detenuto nel contesto dell’operazione "Astrolabio" della Dda della città salentina. Secondo il pm Festa, Abdessalem è stato uno dei timonieri del caicco e secondo le testimonianze di alcuni superstiti era proprio lui a condurre la barca quando fece l'improvvisa virata facendola schiantare sulla secca di Steccato di Cutro. Analoga condanna a 20 anni di reclusione era già stata inflitta, nel febbraio scorso, sempre con rito abbreviato, a Gun Ufuk, turco di 29 anni.

Banner

A processo con rito ordinario invece ci sono altri tre presunti scafisti: Sami Fuat, turco di 50 anni, accusato, insieme a Khalid Arslan, di 25 anni, e Ishaq Hassnan, di 22 anni, entrambi pakistani. Un altro siriano, Guler Bayram di 35 anni, ritenuto uno degli organizzatori del viaggio e di essersi alternato al timone del Summer Love con Abdessalem, è invece deceduto nel naufragio. Il gup ha condannato Mohamed Abdessalem al risarcimento danni nei confronti di alcuni dei superstiti del naufragio, del Ministero dell'Interno e della Presidenza dle Consiglio dei ministri. Le parti offese sono state rappresentate dagli avvocati Salvatore Rossi, Barbara Ventura, Roberto Stricagnoli, Pietro Vitale, Nicola Colacino, Francesco Verri e Gianfranco D’Ettoris. 

Banner

Banner

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner