'Ndrangheta al Nord, le minacce del clan Barbaro: "Li uccidiamo come cani"

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images 'Ndrangheta al Nord, le minacce del clan Barbaro: "Li uccidiamo come cani"
Guardia di Finanza
  10 gennaio 2022 12:13

 'L'ho presa e l'ho messa sul tavolo (l'arma, ndr) ... gli ho detto ... vedi che ti ammazzo ... come ai cani ti ammazzo ... e me ne sono andato'.

Così si esprimeva, intercettato, Rocco Barbaro, 30 anni, arrestato assieme al padre Antonio, 53 anni, nell'inchiesta della Gdf di Pavia e del pm della Dda milanese Gianluca Prisco, che oggi ha portato anche ad altre 11 misure cautelari e con al centro le storiche famiglie 'ndranghetiste originarie di Plati` (Reggio Calabria) e radicatesi nel Nord Italia, in particolare nei territori a cavallo tra le province di Pavia, Milano e Monza Brianza e nel Torinese.

Banner

LEGGI ANCHE QUI. 'Ndrangheta: arrestate a Pavia 13 persone vicine ai clan di Platì 

Banner

Le accuse vanno dall'associazione a delinquere finalizzata al traffico di stupefacenti alla detenzione e porto di armi fino ad una serie di episodi di estorsione con l'aggravante del metodo mafioso. E in questo quadro si inseriscono le intercettazioni, con frasi intimidatorie, contenute nell'ordinanza di oltre 100 pagine firmata dal gip Raffaella Mascarino.

Banner

 Il 12 dicembre 2019, si legge, Rocco Barbaro si recò a casa di un persona per riscuotere 'un credito' da 20mila euro su una 'partita' di droga e 'iniziava a suonare il clacson e chiamarlo a gran voce' e, dato che il debitore non scendeva perché 'intimorito', con uno 'stratagemma riusciva ad entrare nell'abitazione e lo minacciava e dopo aver poggiato la pistola sul tavolo, dicendo 'vedi non voglio arrivare a questo…ma tu mi stai portando a queste conseguenze… tu non devi rompere le scatole … vedi che ti ammazzo, come ai cani ti ammazzo''.    

Nonostante la sua 'formale incensuratezza', scrive il gip sulla posizione di Rocco Barbaro, 'la pericolosita' dell'indagato è emersa chiaramente nell'analisi della presente indagine' come 'costante coadiutore del padre Antonio nella gestione del narcotraffico e nelle attivita' criminali ad esso strumentali (armi ed estorsioni)". 

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner