'Ndrangheta, confisca da 250 mila euro all'affiliato al clan palmese Rocco Carbone

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images 'Ndrangheta, confisca da 250 mila euro all'affiliato al clan palmese Rocco Carbone
I Carabinieri di Reggio Calabria
  05 ottobre 2019 09:39

Nei giorni scorsi, i Carabinieri del Comando Provinciale di Reggio Calabria hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di confisca di beni immobili e prodotti finanziari riconducibili al patrimonio di Rocco Carbone, 52enne, palmese ma residente a Goito (MN)  ritenuto affiliato alla cosca palmese denominata “GALLICO-BRUZZISE”.

Le risultanze investigative prodotte dal nucleo investigativo dei Carabinieri di Reggio Calabria e sul quale il provvedimento si fonda, derivano dalla condanna in primo grado a 6 anni di reclusione nel 2013 e passata definitiva nel 2015 nel quale l’uomo è stato condannato per associazione di stampo mafioso.

Banner

Nella circostanza sono stati confiscati 2 terreni agricoli siti nel comune di Seminara e prodotti postali per un valore complessivo di 250 mila euro.

Banner

Il procedimento scaturisce da un'operazione su coordinamento dei pm antimafia Giovanni Musarò e Roberto di Palma, con la quale spedirono in carcere boss e affiliati alla potente cosca Gallico di Palmi. Il processo "Cosa mia" scaturisce da un'operazione che andò a colpire i vertici dei clan Gallico-Morgante-Sgrò-Sciglitano di Palmi, e i Bruzzise-Parrello del "locale" di Barritteri e Seminara. Ma non solo. Svelato il meccanismo per cui le 'ndrine della Piana imponevano la tangente del 3% sul capitolato d'appalto dei lavori della Salerno-Reggio Calabria.   Le 'ndrine, dunque, avrebbero esteso i propri tentacoli sui lavori della A3, un controllo capillare con una chiara divisione della A3 in zone di competenza, con riferimento ai territori "amministrati" dalle varie cosche. 

Banner

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner