'Ndrangheta, è Antonio Pronestì l'imprenditore al quale la Dia di Milano ha sequestrato 8 società informatiche

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images 'Ndrangheta, è Antonio Pronestì l'imprenditore al quale la Dia di Milano ha sequestrato 8 società informatiche
Dia - Direzione investigativa antimafia
  25 gennaio 2022 12:15

È Antonio Pronestì detto "Antonello", di 59 anni, l'imprenditore al quale la Direzione investigativa antimafia di Milano ha sequestrato i beni su disposizione della sezione Misure di prevenzione del Tribunale di Reggio Calabria che ha accolto la richiesta della Procura guidata da Giovanni Bombardieri.

LEGGI ANCHE QUI. 'Ndrangheta: Dia di Milano sequestra otto società informatiche per oltre sei milioni di euro

Banner

Coinvolto nell'inchiesta "Alchemia", nel luglio 2020 Pronesti è stato assolto in primo grado dal Tribunale di Palmi al termine del processo che si è celebrato con il rito ordinario. Era accusato di aver fatto parte della cosca Raso-Gullace-Albanese e avrebbe avuto il ruolo di "favorire - è scritto nel capo di imputazione - le attività imprenditoriali del sodalizio criminale". Secondo la Dda, infatti, sarebbe stato "a completa disposizione degli interessi della cosca". Residente a Vercurago, in provincia di Lecco, Pronestì è in "rapporti di parentela con Girolamo Raso 'Mommo', detto anche 'il professore'".

Banner

Nonostante l'assoluzione dall'accusa di associazione a delinquere di stampo mafioso, Pronestì risulta pregiudicato per furto, tentato furto, ricettazione, associazione a delinquere e resistenza a pubblico ufficiale. I sigilli della Dia sono stati apposti a quote azionarie di otto società informatiche con sedi legali in Milano, Roma e Canton Ticino attive nel campo del settore delle scommesse e lotterie. Le società interessate dal sequestro risultano capitalizzate complessivamente per oltre 6 milioni di euro e nell'ultimo biennio hanno conseguito volumi d'affari per oltre 15 milioni.

Banner

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner