'Ndrangheta nel Crotonese, operazione "Stige": 58 condanne e 20 assoluzioni. Ridotte le pene per 21 (I NOMI)

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images 'Ndrangheta nel Crotonese, operazione "Stige": 58 condanne e 20 assoluzioni. Ridotte le pene per 21 (I NOMI)
La Corte d' Appello di Catanzaro e sede della Procura di Catanzaro
  24 settembre 2021 16:06

di EDOARDO  CORASANITI

Ventuno pene ridotte, 20 assoluzioni (di cui 14 sono conferme del primo grado mentre 6 sono nuove), 37 condanne confermate, 2 non doversi procedere (una per intervenuta prescrizione, l'altra per morte dell'imputato). 

E' il bollettino con i numeri della sentenza d'appello- con rito abbreviato- del processo "Stige", l'indagine condotta dalla Dda di Catanzaro guidata da Nicola Gratteri contro la cosca Farao-Marincola di Cirò Marina. In primo grado, il 25 novembre 2019, sono state condannate con il rito abbreviato 66 persone mentre 35 sono state assolte. Per 14 di quest'ultimi, la Procura di Catanzaro aveva proposto l'appello e chiedo per tutti la condanna anche fino a 8 anni. E' andata male per gli inquirenti e alla fine del dispositivo, letto nel primo pomeriggio di oggi, le nuove condanne rispetto a quanto portato a casa nel primo grado sono pari a zero. Ridotte invece 21 pene e confermate per 37, condanne fino a 20 anni come per Salvatore Giglio, Salvatore Morrone, Vittorio Farao, Giuseppe Sestito, Giuseppe Spagnolo, Francesco Tallarico.  Tra gli assolti anche l'ex presidente del Consiglio comunale Giancarlo Fuscaldo, gli imprenditori Nicola Flotta, Teresa Clarà, Luigi ed Amodio Caputo, Alessandro Albano. La sentenza ha confermato la sentenza di primo grado nei confronti dell'ex sindaco di Cirò Marina Roberto Siciliani, per il quale è stato riconosciuto il reato di concorso esterno in associazione mafiosa e la condanna a 8 anni di reclusione

Banner

L'operazione "Stige" è stata condotta dalla Dda di Catanzaro attraverso l'ausilio dei carabinieri del Ros e del Comando provinciale di Crotone: 188 persone coinvolte nel gennaio 2018 contro la cosca Farao-Marincola di Cirò Marina e nella quale sono indagati anche dei politici. Una cosca, secondo l'accusa, con collegamenti anche nel Nord, nel Centro Italia (Emilia-Romagna, Veneto, Lazio, Lombardia) e in Germania (Laender dell'Assia e del Baden-Württemberg) con infiltrazioni in diversi settori economici e grazie alla connivenza di imprenditori. Nella rete degli investigatori erano finiti politici e imprenditori oltre a vertici e presunti affiliati alla cosca.
Le imprese ritenute colluse si sarebbero avvalse del potere politico e di intimidazione della consorteria per sbaragliare la concorrenza e favorire il potere economico dei Farao-Marincola e il loro controllo in diversi settori economici. La cosca sarebbe diventata una vera e propria "holding criminale", capace di controllare vari settori dell'impresa dai rifiuti, agli appalti pubblici, dal commercio di prodotti alimentari e vinicoli, anche all'estero, ai servizi funebri. Un giro d'affari per milioni di euro portato a galla dalla Dda di Catanzaro.
La sentenza di primo grado e quella d'appello restituisce una dimensione diversa e una cornice di condanne che ridimensiona e perlomeno aiuta a guardare i presunti fatti in un'ottica diversa. 

Il collegio difensivo: Armando Veneto, Pino Pitaro,  Salvatore Staiano, Vincenzo Cicino, Gregorio Viscomi, Pietro Pitari, Gianni Russano, Sergio Rotundo, Giovanni Merante, Giuseppe Bruno, Luigi Falcone, Vincenzo Ioppoli, Tiziano Saporito,  Salvatore Iannone e Rosa Maria Romano, Nico D’Ascola, Vittorio Ranieri, Giuseppe Di Renzo, Luca Cianferoni, Valerio Spigarelli, Francesco Barbuto, Fabrizio Gallo, Pasquale Nicoletta, Antonio Anania, Maria Claudia Conidi, Stefano Nimpo, Pietro Nocita,  Angela Mascaro, e Francesco Severino. 

Il collegio dei giudici d'appello è formato dalla presidente Loredana De Franco, Adriana Pezzo, Ippolita Luzzo (il cancelliere è Giuseppe Femia). 

LA SENTENZA DI SECONDO GRADO: 

Alessandro Albano; ASSOLUZIONE CONFERMATA (La Procura generale aveva chiesto 8 anni))
Domenico Alessio, detto Frank; ASSOLUZIONE CONFERMATA; (Il Pg aveva chiesto 8 anni)
Francesco Aloe; Pena confermata, 10 anni
Gaetano Aloe; Pena confermata, 13 anni e 4 mesi;
Giuseppina Aloe; Pena confermata, 3 anni e 4 mesi; 
Lucia Aloe;  ASSOLUZIONE CONFERMATA; (Il Pg aveva chiesto 3 anni)
Antonio Anania; Pena confermata, 9 anni e 8 mesi; 
Ercole Anania; Pena confermata, 13 anni e 2 mesi; 
Antonio Bartucca; pena ridotta 8 anni e 8 mesi (primo grado 10 anni e 8 mesi)
Francesco Basta; Pena confermata, 9 anni e 6 mesi
Moncef Blaich detto “Monzi”; pena ridotta, 2 anni (primo grado 5 anni)
Agostino Canino; ASSOLUZIONE CONFERMATA (Il Pg aveva chiesto 8 anni); 
Amodio Caputo;  ASSOLUZIONE CONFERMATA (Il Pg aveva chiesto 6 anni); 
Luigi Caputo; ASSOLUZIONE CONFERMATA (Il Pg aveva chiesto 6 anni e 8 mesi); 
Gilda Cardamone; ASSOLUZIONE CONFERMATA (Il Pg aveva chiesto 2 anni);
Martino Cariati; pena ridotta 12 anni, 1 mese e 10 giorni (primo grado a 15 anni e 4 mesi)
Giovanni Caruso, non doversi procedere per intervenuta prescrizione, (primo grado condanna a 3 anni) 
Vito Castellano; pena ridotta 13 anni e 4 mesi (primo grado 16 anni); 
Dino Celano; pena ridotta 2 anni (primo grado 5 anni) 
Aldo Chimenti; Pena confermata, 8 mesi; 
Teresa Clarà;  ASSOLUZIONE CONFERMATA ; (Il Pg aveva chiesto 2 anni)
Angelo Cofone: Assolto perché il fatto non sussiste, in primo grado condannato a 3 anni, (Il Pg aveva chiesto 3 anni)
Morena Cola; Pena confermata, 10 mesi; 
Roberto Corvo; ASSOLUZIONE CONFERMATA (il Pg aveva chiesto la condanna in secondo anno a 8 anni)
Francesco Crugliano; Pena confermata, 1 anno e 6 mesi; 
Gennaro Crugliano; Pena confermata, 8 anni e 4 mesi
Leonardo Crugliano; pena ridotta 17 anni, 5 mesi e 10 giorni, (primo grado 20 anni); 
Mirco Crugliano; Pena confermata, 8 anni e 8 mesi; 
Adolfo D’Ambrosio: assolto perché il fatto non sussiste, in primo grado condannato a 4 mesi
Antonio De Luca; pena ridotta, 4 anni (primo grado 5 anni e 4 mesi; 
Francesco Farao;  Pena confermata, 4 anni e 4 mesi; 
Vittorio Farao (di Giuseppe) 43 anni; Pena confermata, 8 anni; 
Vittorio Farao (di Silvio), 42 anni; Pena confermata, 20 anni; 
Nicola Flotta; ASSOLUZIONE CONFERMATA (Il Pg aveva chiesto 8 anni); 
Giancarlo Fuscaldo; ASSOLUZIONE CONFERMATA (Il Pg aveva chiesto 8 anni); 
Alessandro Gabin; pena ridotta, 2 anni;  (primo grado 5 anni); 
Donato Gangale; Pena confermata, 9 anni e 4 mesi
Giuseppe Giglio; pena ridotta, 14 anni (primo grado 18 anni)
Salvatore Giglio; pena confermata, 20 anni; 
Franco Gigliotti, pena ridotta, 8 anni;  (primo grado 10 anni); 
Nino Greco; pena ridotta, 3 anni e 4 mesi;  (primo grado 5 anni e 8 mesi);
Domenico Nicola Guarino; sentenza dichiarata nulla e atti trasmessi di nuovo al giudice di primo grado (come richiesto dalla Procura Generale) ; 
Giuseppe Guarino; Pena confermata, 1 anno e 6 mesi; 
Mario Lavorato; pena ridotta, 8 anni e 8 mesi; (primo grado 10 anni e 8 mesi)
Aldo Marincola: assolto per non aver commesso il fatto, primo grado condannato a 8 anni (Il Pg aveva chiesto 8 anni)
Cataldo Marincola; 7 anni e 4 mesi, pena ridotta (primo grado 20 anni)
Vincenzo Marino; Pena confermata, 2 anni; 
Salvatore Morrone; Pena confermata, 20 anni; 
Carmine Muto; pena ridotta, 4 anni; (primo grado 7 anni); 
Luigi Muto; pena ridotta, 13 anni e 4 mesi; (primo grado 19 anni e 4 mesi) 
Santino Muto; pena ridotta, 4 anni;  (primo grado 7 anni e 8 mesi); 
Basilio Paletta; pena ridotta, 10 anni, 10 mesi  (primo grado 12 anni e 10 mesi); 
Domenico Palmieri; Pena confermata, 8 anni; 
Rosario Placido; Pena confermata, 1 anno e 4 mesi; 
Fabio Potenza; Pena confermata, 9 anni e 4 mesi; 
Carmela Roberta Putrino; Pena confermata, 15 anni e 4 mesi; 
Eugenio Quattromani; pena ridotta, 8 anni, (primo grado 10 anni); 
Luigi Rizzo; Pena confermata, 9 anni e 4 mesi; 
Salvatore Rizzo; pena ridotta, 11 anni e 4 mesi, (primo grado 13 anni e 4 mesi)
Antonella Rocca;  ASSOLUZIONE CONFERMATA;  (Il Pg aveva chiesto 2 anni)
Domenico Rocca; Pena confermata, 8 anni; 
Francesco Rocca; ASSOLUZIONE CONFERMATA (Il Pg aveva chiesto 2 anni)
Francesco Russo; Pena confermata
Francesco Salvato; pena ridotta, 13 anni, 5 mesi e 10 giorni, (primo grado 15 anni e 6 mesi); 
Vincenzo Santoro; pena ridotta: 16 anni, 11 mesi e 10 giorni (primo grado 17 anni e 8 mesi); 
Giuseppe Sestito, pena confermata, 20 anni; 
Roberto Siciliani; Pena confermata, 8 anni; 
Nevio Siciliani: non doversi procedere per intervenuta morte (primo grado, 8 anni); 
Carmine Siena; Pena confermata, 8 anni
Palmiro Salvatore Siena; Pena confermata, 11 anni e 4 mesi; 
Giovanni Spadafora; Pena confermata, 12 anni; 
Giuseppe Spagnolo; Pena confermata, 20 anni; 
Giuseppe Sprovieri; ASSOLUZIONE CONFERMATA; (Il Pg aveva chiesto 6 anni) 
Antonio Squillace; Pena confermata, 1 anno e 4 mesi;
Francesco Tallarico; Pena confermata, 20 anni e 4 mesi; 
Ludovico Tallarico, Assolto per non aver commesso il fatto, (primo grado condannato a 8 anni); (Il Pg aveva chiesto 8 anni)
Luigi Tasso; Pena confermata, 3 anni e mesi; 
Carolina Terlizzi; Pena confermata, 1 anno, 9 mesi e 10 giorni; 
Bruno Tucci; assolto, primo grado 3 anni e 8 mesi; (Il Pg aveva chiesto 3 anni e 8 mesi)
Annamaria Veltri; Pena confermata, 1 anno e 4 mesi
Vincenzo Zampelli, assolto, primo grado condannato a 3 anni e 8 mesi, (Il Pg aveva chiesto 3 anni e 8 mesi). 





Banner

Banner

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner