'Ndrangheta nel Vibonese, omicidio del boss Patania: tre condanne a 30 anni in Appello

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images 'Ndrangheta nel Vibonese, omicidio del boss Patania: tre condanne a 30 anni in Appello
La Corte d' Appello di Catanzaro e sede della Procura di Catanzaro
  01 aprile 2021 22:34

Si è conclusa con tre condanne a 30 anni di reclusione il processo d'Appello, davanti la Corte d'Assise di Catanzaro, per l'omicidio del boss Fortunato Patania, avvenuto il 20 sera  del 2011 nel corso della faida tra la famiglia di Stefanaconi e il gruppo rivale dei Piscopisani. Le condanne, riformate rispetto al primo grado di giudizio, hanno riguardato i presunti esponenti di quest'ultimo sodalizio: Rosario Battaglia, Rosario Fiorillo alias Pulcino, e Franco La Bella. In primo grado erano stati condannati all'ergastolo.

Confermata invece l'assoluzione nei confronti di Salvatore Tripodi, ritenuto esponente di spicco dell'omonimo clan; mentre è caduta in prescrizione l'accusa di favoreggiamento a carico di Pietro Michele Russo dopo che sono venute meno le aggravanti mafiose. Russo era stato assolto in primo grado dal reato di concorso nell'omicidio di Patania.

Banner

Secondo l'accusa, l'omicidio di Patania, avvenuta nel distributore di carburante della famiglia nei pressi dello svincolo autostradale delle Serre, fu commesso dai piscopisani come reazione all'uccisione dell'agricoltore Michele Mario Fiorillo, avvenuto appena due giorni prima

Banner

Banner

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner