Nella Tribuna del Ceravolo di Catanzaro ci vuole l'ombrello. Progetti e fondi? Sulla carta

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Nella Tribuna del Ceravolo di Catanzaro ci vuole l'ombrello. Progetti e fondi? Sulla carta

  26 febbraio 2022 18:40

di FRANCESCO IULIANO

Piove nella Tribuna dello stadio Ceravolo di Catanzaro. Eppure, a marzo dello scorso anno sembrava quasi fatta. Nella relazione della riunione della commissione sulla copertura della tribuna,  era stata messa nero su bianco quella che doveva essere la progettazione e la realizzazione della nuova Tribuna.

Banner

“”Il dirigente del settore Grandi opere Giovanni Laganà, il responsabile del programma Agenda urbana Antonio De Marco, alla presenza dell’assessore ai Lavori pubblici Franco Longo, ……. Omissis……si sono soffermati sulle operazioni di rifacimento della copertura della tribuna dello stadio Ceravolo. Laganà ha evidenziato che l’amministrazione Abramo, attraverso un atto di indirizzo approvato dall’esecutivo lo scorso 17 novembre (delibera nr. 362), ha individuato le iniziative prioritarie per alcune opere di efficientamento energetico. La prima di queste riguarda proprio i lavori di rifacimento della copertura della tribuna, finanziati tramite Agenda urbana, che prevedono anche la realizzazione di un impianto fotovoltaico che garantisca autonomia energetica a tutto lo stadio. Il dirigente delle Grandi opere ha ribadito che la cura della progettazione dei lavori è affidata al settore Gestione del territorio, mentre De Marco ha sottolineato che tutta la procedura e l’effettiva esecuzione dei lavori può essere completata in un arco temporale compreso fra i 12 e i 18 mesi, quindi in anticipo rispetto alla scadenza dell’agibilità della copertura prevista il 31 dicembre 2022 (e comunque prorogabile)””.

Banner

Belle le parole e, soprattutto, belle le intenzioni. Peccato che a febbraio del 2022 la situazione nella tribuna del “Ceravolo” è quella evidenziata dalla foto con i seggiolini della tribuna Centrale vuoti perché bagnati a causa delle infiltrazioni presenti nella copertura. Il risultato? Tifosi indignati per l’inconveniente di non poter assistere alla partita dal  settore e dal posto preferito.

Banner

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner