Nuovo asilo a Lido, Assisi e Barberio: "La risposta migliore per una città che necessità di più servizi per le famiglie"

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Nuovo asilo a Lido, Assisi e Barberio: "La risposta migliore per una città che necessità di più servizi per le famiglie"
Un asilo nido (Foto d'archivio)
  10 maggio 2024 11:47

 
“L’annuncio dell’assessore Giusy Pino sul nuovo asilo comunale che sorgerà nel quartiere Lido va accolto con grande entusiasmo, perché quella di potenziare i servizi dedicati all’infanzia è un obiettivo di primaria importanza per l’amministrazione comunale. La nuova opportunità offerta dal Pnrr, che mette a disposizione di Catanzaro due milioni e mezzo per la realizzazione di un nuovo asilo, è un treno da non perdere. Le risorse comunitarie danno la possibilità all’amministrazione di poter investire in un settore da troppo tempo deficitario, quello appunto dell’area dell’infanzia, e che necessita di interventi in grado di venire incontro ai bisogni delle famiglie. In particolare, l’area di Lido è sicuramente quella su cui, tenendo conto dei numeri demografici, è fondamentale lavorare per rafforzare la dotazione di servizi". Così in una nota stampa dei consiglieri comunali Francesco Assisi e Antonio Barberio.

"Un nuovo asilo pubblico, dopo quello del Pepe nel centro storico, sarebbe sicuramente la risposta migliore per una città che vuole crescere e garantire misure di sostegno ai genitori e favorire un percorso didattico ed educativo per i loro piccoli. Per far questo, occorrerà trovare la disponibilità di immobili e spazi il più possibile accoglienti e confortevoli: siamo certi che l’assessore Pino e gli uffici competenti sapranno individuare le migliori soluzioni per dare vita ad una struttura moderna e al passo coi tempi. Le scadenze del cronoprogramma imposte dal decreto Pnrr saranno stringenti, per cui servirà il massimo impegno di tutti per tradurre in realtà questo obiettivo che, sicuramente, potrà caratterizzare l’amministrazione Fiorita per la sensibilità verso il mondo dei servizi educativi per l’infanzia”.   

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner