Occhiuto contro il Governo: "Voleva impugnare legge su incentivi ai medici che vanno nei pronto soccorso"

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Occhiuto contro il Governo: "Voleva impugnare legge su incentivi ai medici che vanno nei pronto soccorso"
Roberto Occhiuto

Il governatore si dice convinto sul fatto che non sarà impugnata, dipingendo come ridicole le eventuali motivazioni

  19 dicembre 2022 21:36

"Mi sono arrabbiato col Governo perché la segretaria generale della Regione è venuta e mi ha detto che aveva chiamato una dirigente del ministero degli Affari regionali e il Governo aveva intenzione di impugnare la legge sulle prestazioni aggiuntive per i medici che vanno nei pronto soccorso. Che significa? Ho fatto una legge in Consiglio regionale che dava la possibilità ai medici che stanno nei reparti di chirurgia, di medicina di avere degli incentivi economici se dopo l'orario lavoro vanno nei pronto soccorso. Credo sia più giusto dare incentivi che già lavorano nel nostro sistema sanitario invece che ai gettonisti e alle cooperative. Il Governo mi ha detto che voleva impugnarla con una motivazione ridicola perché dice: 'voi avete i soldi per farlo - ed effettivamente li abbiamo perché la Calabria non è più in deficit ma il motore è spento e questi soldi non li spende - però dovevate comunicarcelo prima'. Qui la gente muore nei pronto soccorso e voi mi dite che non posso fare una cosa per la quale abbiamo le risorse per farla? Quindi vedrete che alla fine riusciremo a non farla impugnare questa legge".

Così il presidente della Giunta Roberto Occhiuto in un video su facebook in merito alla legge sulle prestazioni aggiuntive per i medici che prestano servizio nei reparti calabresi dell'emergenza urgenza, approvata lo scorso 20 ottobre in Consiglio regionale, e che in questi giorni l'esecutivo nazionale deve decidere se impugnare o meno innanzi alla Corte Costituzionale. La norma prevedeva un incentivo di 100 euro all'ora.  

Banner

Sempre nel video, Occhiuto ha anche annunciato che "per fine anno avremo il numero del debito della sanità. Stiamo investendo nei pronto soccorso, per ristrutturarli ma anche per avere dei medici che ci stanno. E stiamo potenziando l'organizzazione. Ho chiesto ai commissari di concentrarsi sulle liste di attesa e sui centri di prenotazione e li giudicherò dai risultati che avranno in questa direzione. Sto lavorando sui grandi ospedali, quello della Sibaritide, quello di Vibo e quello di Palmi, su cui credo ci sarà nei prossimi giorni qualche notizia positiva". 

Banner

Banner

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner