Occhiuto proclamato presidente. Controvento: "Auguri, ma oltre alla sanità si occupi anche della depurazione"

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Occhiuto proclamato presidente. Controvento: "Auguri, ma oltre alla sanità si occupi  anche della depurazione"

  29 ottobre 2021 16:39


"Reputiamo assolutamente positivo che  il neo eletto e proclamato Presidente della Regione Calabria Roberto Occhiuto, al quale formuliamo gli auguri di buon lavoro, nei giorni scorsi  abbia incontrato a Roma il Ministro della Sanità Speranza al quale ha chiesto una gestione non più commissariale della Sanità Calabrese lamentando un vero e proprio scempio gestionale – amministrativo che il Governo sta perpetrando da dodici anni con il risultato che la situazione della Sanità in Calabria non solo non è migliorata ma il debito e il gap sanitario è aumentato invece di diminuire". E' quanto si legge in una nota di Controvento.
 
"Probabilmente il Ministro Speranza, - prosegue - pur non eliminando completamente lo status “commissariale” della nostra sanità, nominerà Commissario ad acta il neo Governatore del centro destra.  Bene, anzi benissimo. A patto, però, che il Presidente Occhiuto oltre a gestire le problematiche della sanità calabrese si occupi anche delle problematiche relative alla depurazione. Un settore che va di pari passo con la sanità. Sono questi, infatti, i settori che creano grossi problemi ai Calabresi".
 
"L’impossibilità di essere curati nella propria Terra e la devastazione delle nostre splendide risorse ambientali. Migliorare la qualità della vita nella nostra bellissima Regione cammina di pari passo a standard sanitari europei e salvaguardia dell’ambiente. Da qui bisogna partire per sviluppare un’azione di “Governance” finalizzata alla rinascita della Calabria. A tal proposito chiediamo al Presidente Occhiuto un incontro pubblico - conclude -  per discutere di quello che i cittadini calabresi vogliono per la propria Terra. Perché, come diceva il grande Corrado Alvaro, “i calabresi vogliono essere parlati” ma anche ascoltati e non solo governati".
 
 

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner