Omotransfobia, il Consiglio Comunale di Crotone dice No al Ddl Zan

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Omotransfobia, il Consiglio Comunale di Crotone dice No al Ddl Zan
Logo Lega Calabria
  03 dicembre 2020 15:40

Il Consiglio comunale di Crotone ha approvato la mozione della Consigliera Comunale Marisa Luana  Cavallo (Lega), prima firmataria e del Consigliere Comunale Antonio Manica (FI) contro l’approvazione da parte del Parlamento del DDL Zan.

Il Coordinatore provinciale della Lega di Crotone, Giancarlo Cerrelli sostiene che: “È un evento storico per la nostra città, è una grande vittoria per la città di Crotone, che conferma di essere sempre in prima linea, come già avvenuto, altresì, nel 2007 https://www.giancarlocerrelli.com/a-crotone-tremila-in.../ e nel 2013 https://www.giancarlocerrelli.com/quando-crotone-insorse.../, quando i crotonesi scesero in piazza per difendere la famiglia, che era attaccata da leggi che miravano a decostruirla.

Banner

L’approvazione della mozione Cavallo contro il Ddl Zan, da parte del Consiglio Comunale di Crotone – continua Cerrelli – è senz’altro una vittoria politico-amministrativa della Lega, ma anche e soprattutto di Crotone, che ha dimostrato, ancora una volta, di essere una città pronta a difendere quei presìdi culturali, sociali e giuridici della nostra civiltà, che la dittatura del pensiero unico politicamente corretto, vorrebbe, invece, distruggere.”

Banner

“Il Comune di Crotone - continua Cerrelli - ha detto “No” a un disegno di legge pericoloso, come quello Zan - che al momento è all’esame del Senato -  che, ove fosse approvato, limiterebbe la nostra libertà di espressione, di parola, di opinione, di associazione, di stampa, di educazione, di insegnamento e religiosa, con il carcere fino a sei anni di reclusione (cfr. art. 2 Ddl Zan) a coloro i quali non dovessero conformarsi al pensiero unico politicamente corretto sui temi della famiglia, della sessualità e della persona.

Banner

Tale disegno di legge – sostiene Cerrelli - ha una spiccata natura pedagogica e rieducativa, infatti, per mezzo di pene severissime si cercherà di imporre, in ogni ambito del vivere sociale, a cominciare dalle scuole, una vera e propria decostruzione del comune modo d’intendere e di sentire la sessualità e la famiglia; successivamente si procederà ad imporre al popolo italiano una nuova antropologia basata precipuamente sul desiderio, rendendo, così,  sempre più liquidi e precari i rapporti interpersonali, che risentiranno, tra l’altro, di una propiziata fluidità dell’identità sessuale, che così diventerà sempre più incerta.

Per questi motivi l’approvazione della mozione della consigliera Cavallo (Lega) è importante che sia stata approvata; tuttavia pur di evitare, che il Consiglio Comunale approvasse tale mozione, la Giunta Comunale, coadiuvata dal Segretario generale, si è inventata di tutto per ostacolarne l’approvazione. Abbiamo assistito – prosegue Cerrelli – ad uno spettacolo a dir poco vergognoso e raccapricciante; in un primo momento, alla seduta del 30 novembre u.s., nonostante la mozione della Cavallo avesse ottenuto la maggioranza dei voti (12 voti a favore, 10 contrari e 8 astenuti) è stata considerata non approvata, perché il Presidente del Consiglio e il Segretario Comunale hanno pensato in modo incomprensibile e inescusabile di includere nel quorum funzionale deliberativo anche gli astenuti, espressamente esclusi dall’art. 30 dello Statuto Comunale e dall’art. 81 del Regolamento Comunale”.

C’è da considerare che se non fosse stata presentata una mozione d’ordine, propiziata tempestivamente, dal Coordinatore Provinciale della Lega di Crotone. Avv. Giancarlo Cerrelli e recepita dai consiglieri Cavallo, Meo e Corigliano e presentata ed esposta brillantemente dal Consigliere avv. Fabrizio Meo, la mozione sarebbe stata affossata illegittimamente.

La storia dell’approvazione della mozione Cavallo non finisce qui; il 2 dicembre il Consiglio, durante la seduta precedente che era stata aggiornata per determinarsi su come interpretare l’ art. 81 del regolamento e cioè se gli astenuti dovessero o meno essere considerati nella formazione del quorum funzionale deliberativo. Tale determinazione avrebbe inciso anche sulla rivisitazione dell’esito della mozione Cavallo. Il Consiglio, dunque, nella seduta del 2 dicembre u.s., con 25 voti favorevoli e 5 contrari ha approvato l’interpretazione della norma, nel senso di ritenere esclusi gli astenuti, come del resto recitano sia lo Statuto che il Regolamento.

 Per tale ragione è stato rivisto l’esito della votazione della mozione Cavallo che, così, è stata considerata approvata.

 Vorrei esprimere un sincero ringraziamento e un plauso – conclude Cerrelli – a quei consiglieri comunali, anche della maggioranza, che hanno usato il buon senso e la saggezza di votare a favore della mozione della Lega contro il DDl Zan, mettendoci la faccia; sono a loro vicino, particolarmente in queste ore in cui ho appreso che stanno subendo vili attacchi sui social e privatamente, per aver espresso la loro opinione.

 La Consigliera Marisa Luana Cavallo (Lega), da parte sua,  esprime soddisfazione per l’approvazione della  sua mozione perché ha permesso, di accendere i riflettori nella nostra città e non solo, su un provvedimento pericoloso per la nostra libertà e che la Camera ha approvato in prima lettura, nella disattenzione dei più.

“Grazie di cuore a quei consiglieri di maggioranza e di opposizione – continua la Cavallo - che hanno votato affinché la mozione contro il Ddl Zan, presentata da me e dal collega Antonio Manica (FI), fosse approvata. Un ringraziamento particolare lo rivolgo al Coordinatore Provinciale della Lega di Crotone, l'Avv. Giancarlo Cerrelli, ispiratore della mozione, che, anche durante i lavori consiliari ha fornito un continuo supporto tecnico e scientifico. Se non stato per lui, che ha propiziato la mozione d’ordine sull’interpretazione dell’art. 81 del regolamento, a quest’ora la mozione non sarebbe stata approvata. Un ringraziamento sentito va anche al collega consigliere Fabrizio Meo, che non ha esitato a sostenere la mozione e a smascherare l’intento di chi voleva affossarla”.

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner