Operazione Corvo, Pisano: "Resto convinto della mia innocenza"

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Operazione Corvo, Pisano: "Resto convinto della mia innocenza"

  03 marzo 2022 20:58

“Apprendo, non senza sincero rammarico, della decisione del Gup del Tribunale di Catanzaro di disporre il rinvio a giudizio nei miei confronti nel procedimento comunemente denominato “Corvo”, che vede coinvolti anche il collega consigliere, Francesco Gironda, e l’ex consigliere regionale, Claudio Parente. Rispetto profondamente la decisione del giudice e affiderò ancora una volta ai miei legali di fiducia il compito di difendermi nelle sedi competenti.  Ero e resto fermamente convinto della mia innocenza, che avrò modo di dimostrare con ogni mezzo nel processo che avrà inizio a dicembre, all’esito del quale sono certo che la Magistratura, nella quale ripongo massima fiducia, saprà riconoscere la bontà del mio operato amministrativo". Lo afferma in una nota il consigliere comunale Giuseppe Pisano.

"Non sarà un provvedimento che si limita a disporre un rinvio a giudizio, e non una responsabilità penale, a farmi oggi ricredere sulla correttezza di una delibera consiliare approvata a larga maggioranza e nell’interesse esclusivo della città. Così come non sarà il giudizio che mi attende a distogliere il mio impegno politico al servizio del capoluogo di regione o a suggerirmi passi indietro nelle cariche che oggi mi onoro di rivestire. Sia chiaro a tutti che non arretrerò di un solo centimetro nelle mie battaglie per Catanzaro e la sua provincia, a partire dall’imminente sfida elettorale".

Banner

"A tal proposito, mi auguro che la lunga campagna elettorale che ci attende sia basata su programmi e proposte concrete per la città, con dibattiti e toni anche accesi se necessari, ma sempre improntata al rispetto reciproco tra gli opposti schieramenti. Laddove - prosegue Pisano-, invece, qualcuno intendesse utilizzare argomenti speculativi e diffamatori su vicende che ancora attendono un vaglio giudiziario, sappia che non gli sarà consentito e che troverà nel sottoscritto un solido argine ai vani tentativi di gettare fango. Lo devo a me stesso, alla mia innocenza, alla mia famiglia e a tutti i concittadini di Catanzaro che hanno riposto in me la loro fiducia”.

Banner

Banner

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner