Otto marzo, dalla Fidapa una proposta di legge per la toponomastica al femminile

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Otto marzo, dalla Fidapa una proposta di legge per la toponomastica al femminile

  08 marzo 2024 10:44

Una proposta di legge per la toponomastica al femminile. La presentazione dell’atto normativo, proprio in prossimità della Giornata Internazionale della donna, è avvenuta ad opera di un gruppo di lavoro della Fidapa (Federazione Italiana Donne Arti Professioni e Affari) costituito da Enza Galati, della Sezione di Lamezia Terme, e da Angela Giampaolo, della Sezione di Siderno, in un incontro avvenuto con il presidente del Consiglio regionale Filippo Mancuso, alla presenza della presidente del Distretto Sud Ovest Franca Dora Mannarino insieme alle altre autorità Fidapa e alle numerose socie delle varie sezioni del Distretto Sud Ovest (Campania - Calabria).                                                                                                                                                 
“Sono onorata – ha detto Enza Galati - di presentare questa proposta di progetto di legge, in favore della parità di genere, resa possibile grazie al contributo della cara amica e socia della sezione di Siderno Angela Giampaolo con la quale abbiamo fortemente creduto in questo progetto e condiviso non solo lo studio e l’approfondimento del tema, ma anche l’entusiasmo di realizzarla. Una proposta che acquista anche un significato particolare pensando a Patrizia Pelle che durante il suo mandato di Presidente del Distretto desiderava realizzare la toponomastica al femminile nella nostra Regione. Una donna che per la sua forza e determinazione ha rappresentato un punto di riferimento della nostra Associazione”.

“La toponomastica della Regione Calabria – ha spiegato Enza Galati – presenta un forte squilibrio di genere. Solo una percentuale minima delle vie è dedicata alle figure femminili rispetto a quelle intitolate agli uomini. Puntiamo a colmare questo divario. Sono molte, infatti, le donne che hanno lasciato un segno nella cultura scientifica, economica, letteraria, sociale e politica del nostro Paese. Ringraziando il presidente del Consiglio regionale Filippo Mancuso per la sensibilità dimostrata, l’auspicio è che si arrivi in tempi rapidi ad una approvazione della proposta volta a riequilibrare il divario attuale tra i due generi”.

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner