Parte da Catanzaro la mobilitazione No-Tax: “Non riapro, non pago”

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Parte da Catanzaro la mobilitazione No-Tax: “Non riapro, non pago”

L'imprenditrice Monica Minervini: “Resistenza fiscale contro il lockdown”

  11 aprile 2021 11:51

“Io non pago per i vostri errori”. Un appello alla “resistenza fiscale” e un invito, a chiare note, a “riaprire tutto e subito”. Lo lancia, da Catanzaro, l'imprenditrice Monica Minervini, da anni impegnata professionalmente in un settore, quello dei congressi e degli eventi, che più di tutti sta pagando il peso del lockdown.

“Dopo quattordici mesi di chiusure e di non-lavoro - scrive Monica Minervini -  migliaia di aziende come la mia sono sull'orlo del fallimento. Subiamo tutti gli errori evidenti e clamorosi di un'intera classe politica, nazionale e regionale, che, per oltre un anno, non ha saputo dare risposte all'emergenza sanitaria, creando, parallelamente, altre due gravissime emergenze: una economica e, l'altra, sociale”.

“Che Stato è - sottolinea - quello che ti costringe a pagare le tasse, ma ti obbliga a non lavorare? Che Stato è quello che ti calcola il centesimo dei fatturati, ma ti concede briciole di ristori?”. “A chi giova tutto ciò?” si chiede l'imprenditrice, pronta a sostenere un fronte di “resistenza fiscale”.

“Niente aperture, niente tasse” la sintesi di una battaglia che già raccoglie tanti consensi su Facebook. “Sul mio profilo personale - spiega Monica Minervini - arrivano, ogni giorno, le testimonianze e gli sfoghi di chi non ce la fa più”. “Come liberi imprenditori e cittadini - ribadisce - siamo pronti alla mobilitazione. Una protesta pacifica, di disobbedienza civile che immaginiamo come un grande No-Tax Day, per far capire a chi ci governa che adesso siamo stanchi e diciamo basta! Non si può prorogare l'emergenza all'infinito”. Da Monica Minervini, infine, un invito a riflettere “su decenni di tagli alla Sanità che hanno smantellato la rete ospedaliera pubblica, il sistema della ricerca, le università, causando ciò che tutti stiamo vivendo: non abbiamo posti letto, non siamo in grado di produrre cure e vaccini”. “Dobbiamo pagare sempre noi per i vostri errori?” conclude.

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner