Passerelle a Lido, Riccio presenta un esposto al Comune per la mancata rimozione

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Passerelle a Lido, Riccio presenta un esposto al Comune per la mancata rimozione
Passerelle a Lido3
  10 ottobre 2019 10:19

"Un quartiere, quello marinaro, sempre più regno del degrado e dell'abbandono da parte di un'Amministrazione che,  oramai impegnata  in altre competizioni elettorali, ha lasciato campo libero ai professionisti delle riffe e delle collette "full time" rimandando a tempi migliori la possibilità di amministrare, come si deve, il quartiere turistico della città Capoluogo di Regione".

Lo scrive il consigliere comunale Eugenio Riccio. 
"Ultima perla, in ordine di tempo, da parte del settore Lavori Pubblici, è stata la mancata rimozione delle passerelle posizionate durante il mese di giugno sulla spiaggia. Evidentemente il Settore Lavori Pubblici non sa che il 21 settembre l’Estate finisce ufficialmente e subentra l’Autunno. L’arrivo dell’equinozio autunnale ha portato, come era prevedibile, alle prime mareggiate di stagione e le passerelle dimenticate sulla spiaggia sono state divelte e trascinate in mare. Tutto questo sta creando gravi problemi di sicurezza in quanto il legname galleggia a pelo d’acqua all'ingresso del porto con il sensato rischio che qualche imbarcazione possa essere seriamente danneggiata creando anche problemi di incolumità dei passeggeri".

Banner

"E dire che ogni anno il posizionamento delle passerelle è caratterizzato da forti polemiche sia per il costo eccessivo sia perché sono posizionate in maniera quasi sempre irregolare non rispettando le norme di legge in materia di disabilità.  Ai cittadini catanzaresi l’operazione di smontaggio e montaggio delle passerelle è costata, negli ultimi anni, diverse decine di migliaia di euro. Ora la domanda nasca spontanea: chi paga?. In attesa di sapere chi pagherà le passerelle, abbiamo già presentato un dettagliato esposto sulla vicenda agli uffici preposti, a partire da quello del sindaco,  e abbiamo interessato della vicenda anche la Corte dei conti".

Banner

Banner

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner