Pnrr, la preoccupazione di Anci Calabria: "Rischio stallo delle procedure"

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Pnrr, la preoccupazione di Anci Calabria: "Rischio stallo delle procedure"
Un cantiere aperto
  19 luglio 2022 14:11

A margine del Comitato Direttivo Anci Calabria, svoltosi ieri nella sede di Catanzaro è emersa unanime: “la forte preoccupazione in ordine agli interventi che devono essere predisposti e che riguardano i progetti del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza”.
“Ci troviamo dinanzi ad uno scenario preoccupante che mina la stabilità dei governi locali. Il PNRR rappresenta per il sud d’Italia una occasione irripetibile per ridurre - se non colmare - l’ingiusto divario esistente sotto diversi profili tra le diverse realtà territoriali del paese. Ancor per le amministrazioni comunali calabresi che hanno mobilitato le proprie dotazioni e attinto ad ogni risorsa disponibile per attivare gli interventi (dalla progettazione all’avvio e realizzazione delle opere) per mutare le condizioni di vita delle popolazioni residenti nei propri territori, già fortemente tentate ed indotte all’abbandono e migrazione, il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza significa sviluppo e innovazione”, si legge nella nota.

“Per questo esprimiamo preoccupazione crescente: a tale situazione di stallo corrisponde infatti un rallentamento delle attività che devono essere avviate con scadenza imminente. Sarebbe questo un danno irreparabile in termini di tempistiche degli interventi e delle azioni che rappresentano una opportunità di sviluppo su mobilità sostenibile, politiche per le nuove generazioni, salute, inclusione, digitalizzazione, istruzione e ricerca. Allo stato attuale, infatti, la gran parte delle missioni, misure e programmi contenute nel PNRR hanno raggiunto il livello decisionale della individuazione dei beneficiari con le amministrazioni locali protagoniste di consistenti iniziative destinate a mutare l’immagine del territorio ed a cambiare il funzionamento dei più essenziali servizi rendendoli più efficienti. La crisi finanziaria che attanaglia i comuni calabresi sempre più coinvolti in situazioni di dissesto e predissesto deve essere fermata. Si pone un “problema Calabria” anche a livello nazionale”, prosegue la nota di Anci Calabria.

Banner

“Auspichiamo, pertanto, una piena ripresa delle attività che consenta agli amministratori locali di proseguire in tutta serenità la propria azione di ricostruzione e cambiamento auspicati”, si conclude la nota.

Banner

Banner

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner