Pochi loculi nei cimiteri, ordinanza di Fiorita: salme giacenti sepolte d'ufficio nei solchi comuni

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Pochi loculi nei cimiteri, ordinanza di Fiorita: salme giacenti sepolte d'ufficio nei solchi comuni
La scritta affissa all'ingresso del cimitero comunale di Catanzaro

L'ordinanza del sindaco di Catanzaro prevede l'inumazione d'ufficio delle salme giacenti negli obitori

  16 settembre 2022 12:48

di GABRIELE RUBINO

La carenza di loculi nei cimiteri e il contestuale affollamento di salme negli obitori in attesa di sistemazione sono diventati un serio problema per i cimiteri di Catanzaro. Così il sindaco Nicola Fiorita ha deciso di firmare un'ordinanza con cui si dispone l'inumazione d'ufficio delle salme giacenti "nei solchi comuni". 

Banner

La disposizione riguarda i cimiteri di via Paglia, di Gagliano e di Lido. In attesa che prenda corpo il progetto di ampliamento dei loculi già sulle scrivanie di Palazzo De Nobili.

Banner

Nell'ordinanza del primo cittadino viene poi specificato che "le operazioni di inumazione, di successiva esumazione e trasferimento da fossa a loculo restano a carico dell'Amministrazione comunale" e "che l'inumazione deve avvenire in modo tale da preservare le bare in legno utilizzando tecniche idonee (controcassoni zincati)"

Banner

Mentre "restano a carico dei familiari dei defunti le spese per la successiva tumulazione nei loculi, compresi l'allaccio della lampada votiva e la posa della lapide marmorea; i contratti di concessione saranno stipulati in occasione delle tumulazioni con decorrenza dalla data di morte".  E ancora le "operazioni di inumazione nei solchi comuni, di esumazione, di trasferimento da fossa a loculo e di tumulazione siano eseguite a cura della Catanzaro servizi spa". 

L'ordinanza di Fiorita poi precisa che "La scelta dei loculi avverrà sulla base dei posti resi disponibili con priorità alla data e ora della morte del defunto, rilevabile dal certificato di accertamento di morte redatto dal medico necroscopo". Fino al 31 dicembre l'inumazione d'ufficio può valere per tutte le salme in arrivo. 

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner