Politica. Occhiuto: "Sui temi più divisivi tra la Lega e il governo, Forza Italia è sempre stata dalla parte di Draghi"

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Politica. Occhiuto: "Sui temi più divisivi tra la Lega e il governo, Forza Italia è sempre stata dalla parte di Draghi"

  24 ottobre 2021 12:07

"Io ho lavorato con i ministri Gelmini, Brunetta e Carfagna quando sono stato capogruppo di Forza Italia, e credo siano tra i migliori ministri del governo Draghi. Forza Italia è orgogliosa di avere ministri di tale valore e con tante competenze. Non capisco però quale sia l'appiattimento: sui temi più divisivi tra la Lega e il governo, Forza Italia è sempre stata dalla parte di Draghi".

Lo ha detto Roberto Occhiuto, presidente eletto della Regione Calabria, intervenendo ad "Agenda", su SkyTg24. "Mi riferisco, ad esempio, - spiega - ai vaccini e al green pass. Anche la Forza Italia che non è al governo, mi riferisco a Tajani e Ronzulli, sulle questioni che davvero hanno rischiato di mettere in crisi la maggioranza di governo, hanno sempre assunto posizioni molto vicine a Draghi. E poi, Draghi è il presidente del Consiglio ed è lì per una intuizione felice e lungimirante di Berlusconi, quindi non c'è alcuna differenza nella linea politica. Poi, sulle prospettive e sul modo di guidare il partito si può discutere, ma si tratta di questioni che non riguardano gli elettori. Agli italiani non interessa capire quante persone si siedono ad un tavolo per prendere decisioni, ma quali decisioni prenda quel partito".

Banner

"Il centrodestra - aggiunge il governatore della Calabria - ha altri due leader straordinari, Salvini e Meloni: hanno preso due partiti al 4% e ne hanno fatto due partiti nazionali, ma forse dovrebbero imparare da Berlusconi a federare il centrodestra. Quando Berlusconi creò il centrodestra mise insieme anime differenti, esperienze molto complesse ma diverse tra loro e lo fece conquistando poi la guida del Paese e assicurando all'Italia, all'Europa, che un centrodestra di governo ci può essere. Salvini e Meloni sono grandi leader di partito, ma non sono ancora leader di coalizione. Una cosa è ottenere risultati per il proprio partito, un'altra costruire e amalgamare una federazione che si candida a governare e ad avere consenso in Italia e in Europa. Su questo credo che 'i due allievi' qualche lezione dal 'maestro' Berlusconi dovrebbero ancora prenderla".  

Banner

Banner

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner