Politica. Partiti e movimenti al lavoro per le liste: sulle elezioni il fantasma di Diabolik

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Politica. Partiti e movimenti al lavoro per le liste: sulle elezioni il fantasma di Diabolik

  31 marzo 2022 16:12

di ENZO COSENTINO

Dal mixer della politica catanzarese non si riesce a ottenere un bel frullato al gusto “elettorale”.

Banner

E’ questo “il bello della politica”. Contenti loro – i politicanti- si va avanti. Però una considerazione va fatta: i toni della polemica sovrastano quelli del confronto. Confronto sulle idee, sui programmi per rendere più presentabile, migliore Catanzaro. Forse perché manca la forza, se non le capacità, di dimostrare perché una idea dell’avversario non vale e la “nostra”, invece, si. Al confronto delle idee, dei contenuti dei programmi si preferisce, dunque, sfuggire. Si preferisce la demonizzazione vicendevole. Gli apparati, partitici e civici, così facendo allontanano il cittadino. Non c’è distinzione, dunque, fra destra, sinistra, centro. Già, il grande centro che si sta tentando di costruire. Ma che non sarà, per l’aria che tira, più credibile o meno peccaminoso delle altre realtà di schieramento. In questo momento di campagna elettorale lo scontro più acceso è fra i sostenitori di Valerio Donato e quelli di Nicola Fiorita. Donato accusa Fiorita che sia sceso in campo: “mosso unicamente da ambizioni personali al punto di essersi “consegnato” al Pd (testuale).”

Banner

Potrebbe essere anche il contrario. Che sia stato, cioè, il Pd ad ancorarsi al leader di “Cambiavento”. Ha scelto bene o si è avventurato su una strada impervia e piena di ostacoli? Una prima previsione di come potrebbero andare le votazioni la si potrà fare quando sulla griglia di partenza saranno schierate tutte le liste in campo. E sulle liste ora è concentrata la massima attenzione dei partiti e movimenti delle coalizioni. Non si presenta come una operazione facile, se le liste rispetteranno metodi e scelte di qualità e svincolate, dunque, dal parentismo sfrenato. La coalizione di nuova sinistra ieri sera si è riunita per mettere a punto soprattutto un piano d’azione. Ne hanno discusso con dovizia di argomentazioni il PD (Rotella, Correale e Otello Celia), il PSI (Buccolieri e Marino), 5Stelle (Paola Stella), DeMa (Carla Rotundo ,Eugenio Occhini), Cambiavento (Nicola Chiriano), Volt (Gaetano Reina).

Banner

Il prossimo incontro se tutto procederà con ritmi organizzativi attuali. Tutti i partiti e movimenti hanno “gradito” la decisione del Governo della nuova data per la consultazione elettorale. In particolare il Pd che così avrà più tempo per curare le sue ferite e tentare di ricompattarsi riportando i meno intransigenti nei suoi ranghi e calamitarli sul candidato sindaco prescelto, Nicola Fiorita. Che campagna elettorale sarà, dunque? Diabolick in agguato!

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner