Pontili Catanzaro, lo schieramento di Fiorita: "Dall'opposizione attacchi strumentali e populisti"

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Pontili Catanzaro, lo schieramento di Fiorita: "Dall'opposizione attacchi strumentali e populisti"

  02 dicembre 2022 19:06

Lo schieramento a sostegno di Fiorita si schiera a difesa del sindaco sulla vicenda pontili a Catanzaro. Con una nota firmata dai consiglieri Serò, Palaia, Sergi, Capellupo, Buccolieri, Caviano, Celia, Belcaro, Serraino, Talerico, Barberio e Procopi replicano ai recenti attacchi delle opposizioni. 
 
 
 
"Una posizione strumentale e smaccatamente populista, che però difficilmente potrà fare breccia tra i cittadini. Questi ultimi, contrariamente a quanto forse pensano i consiglieri di opposizione, non sono affatto degli sprovveduti e sapranno valutare bene le scelte scrupolose operate dal sindaco Fiorita su un tema delicato e importante come quello dei pontili. Una vicenda che si è trascinata per ben tre anni, nel corso dei quali non sono mancati profili di carattere giudiziario e che oggi scandalizza sol perché l’iter ha subìto un ritardo di appena poco più di un mese. E perché lo ha subito? Perché l’Amministrazione Comunale, a fronte di tutto quanto accaduto negli anni precedenti, si è curata di verificare, fosse pure oltre il teoricamente necessario, la correttezza della procedura di assegnazione e dell’assegnazione stessa. In cinque mesi abbiamo tenuto la conferenza dei servizi, abbiamo dato seguito a tutte le prescrizioni imposte da quest'ultima, abbiamo aspettato che la capitaneria completasse gli interventi di sua competenza. Dunque, saremmo stati bene in grado di procedere alla concessione. Ma lo scrupolo e soprattutto l’attenzione e la cura verso l’interesse generale hanno indotto a incamerare anche un ulteriore parere che portasse finalmente serenità rispetto a una procedura che potremmo eufemisticamente definire pasticciata in molti passaggi. Quindi, nessuna lezione di diritto da parte di ANAC, la quale non ha fatto altro che entrare nel merito di un quesito che il Comune le ha legittimamente sottoposto".

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner