Popolari in rete. Venerdì la presentazione del programma regionale

Share on Facebook
Share on Twitter
Share on whatsapp
images Popolari in rete. Venerdì la presentazione del programma regionale

  23 giugno 2021 15:06

Alle ore 18 di venerdì 25 giugno, al T Hotel di Lamezia Terme verrà presentato il progetto regionale dei Popolari in rete, «che in Calabria si stanno radicando – si legge in una nota ufficiale – con la crescente adesione di gruppi della società civile, esponenti delle Partite Iva, professionisti, donne e giovani lontani dal sistema dei partiti».

All’iniziativa interverranno Mario Mauro, già ministro della Difesa e vicepresidente del Parlamento europeo, e Giuseppe De Mita, ex vicepresidente della Regione Campania, che poi da deputato sbatté la porta in faccia all’Udc, in pieno disaccordo con la linea di quel partito. «Soprattutto – precisa Vincenzo Arnone, imprenditore e membro del coordinamento dei Popolari calabresi – parleranno persone che ogni giorno affrontano i problemi della quotidianità e che, con la loro esperienza e competenza in vari ambiti professionali, intendono dimostrare che è possibile una politica dei contenuti, capace di entrare nel merito delle questioni e di rappresentare l’alternativa alla politica dei salotti e dei clic, priva di spessore, di senso della realtà e di concretezza».

Banner

«Nella storia recente – anticipa Mauro – ha avuto buon gioco una concezione di partito contenitore nel quale il profilo ideale si è sempre più rarefatto, al punto che la sinistra è oggi il riferimento dei quartieri bene delle grandi città e il capo dei nazionalisti nostrani è diventato, al grido di “prima gli italiani”, l’erede storico dei promotori della secessione e del federalismo».

Banner

«Essere Popolari – chiarisce Giuseppe De Mita – significa innanzitutto stare in questo tempo, nei suoi problemi e nelle sue opportunità, non nel ricordo del passato né nell’illusione del futuro. Significa non cedere alla demagogia e alla semplificazione, e comunque non piegarsi ad un pragmatismo spregiudicato e senza valori».

Banner

Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner